Italia News Partner
Latest news from Italy and the world


United Nations Media Partner


Archive "Chronicle" - Archivio "Cronaca"

(International News Press Agency) - The 248th anniversary of the Foundation of the Italian Guardia di Finanza is celebrated on 22 June. Il 22 giugno si celebra il 248° Anniversario della Fondazione della Guardia di Finanza Italiana - La nascita della Guardia di Finanza risale all'ottobre 1774, quando venne costituita la “Legione Truppe Leggere” per volere di Vittorio Amedeo III, Re di Sardegna. Fu il primo esempio in Italia di un Corpo speciale istituito per il servizio di vigilanza finanziaria ai confini, oltre che per la difesa militare. Compiuta l’unificazione d’Italia, i vari Corpi di finanza dei cessati Stati italiani si fusero nel “Corpo delle Guardie Doganali”, istituito nel 1862 per la vigilanza doganale, nonché, in tempo di guerra, impiegato per la difesa dello Stato. Con la Legge 8 aprile 1881, n. 149, il Corpo assunse la denominazione di “Corpo della Regia Guardia di Finanza” con la funzione di «...impedire, reprimere e denunciare il contrabbando e qualsiasi contravvenzione e trasgressione alla leggi e ai regolamenti di finanza...», di tutelare gli interessi dell’Amministrazione finanziaria e concorrere alla difesa dell’ordine e della sicurezza pubblica.

(International News Press Agency) - The 248th anniversary of the Foundation of the Italian Guardia di Finanza. Il 248° Anniversario della Fondazione della Guardia di Finanza Italiana. Le cerimonie celebrative si sono svolte in tutte le sedi istituzionali italiane, e tra queste anche quella nella Puglia salentina di Brindisi. A presenziare il prestigioso evento il Comandante Provinciale Colonnello Piergiorgio Vanni che ha accolto le cariche istituzionali territoriali, giornalisti e familiari delle fiamme gialle dipendenti. A seguire le premiazioni del personale contraddistintosi in operazioni speciali e il suo discorso che ha enfatizzato il prezioso lavoro dei finananzieri sia sul territorio che in tutta Italia. Un lavoro svolto nell'interesse dello Stato e sempre al servizio della comunità cittadina. Ecco la sintesi >>> (Italia News Press Agency - 'Credit Press Guardia di Finanza' - www.italianews.org)

Il bilancio nazionale di 17 mesi delle Fiamme Gialle testimonia un impegno costante: 6 mld sottratti alla spesa pubblica e danni all'erario per 3,5 miliardi. Sono invece 45.700 le persone denunciate. In testa gli illeciti del Reddito di Cittadinanza per 288 milioni (+300% sul 2020) e 29 mila persone (+400% sul 2020) denunciate (nel 2020 i truffatori furono 5.900 i denunciati per aver percepito illegalmente 50 milioni di euro). Quasi 6 miliardi sottratti a chi ne aveva diritto, sei miliardi stanziati per la spesa pubblica e finiti nelle mani sbagliate. A tanto ammonta l’entità delle frodi, degli sprechi e degli episodi di corruzione scoperti dalla Guardia di finanza tra il 1 gennaio del 2021 e il 31 maggio di quest’anno. Truffe e sprechi che hanno riguardato fondi statali e dell’Unione europea, spesa sanitaria e assistenziale, fondi bancari assistiti da garanzia, appalti e anche il reddito di cittadinanza. Complessivamente, sono state denunciate 45.700 persone e inviate 7.600 segnalazioni alla Corte dei Conti per un danno alle casse dello Stato di 3,5 miliardi. Nel settore degli appalti sono state riscontrate irregolarità per 1,4 miliardi. Sono 5.762 gli evasori totali, vale a dire soggetti completamente sconosciuti al fisco, scoperti dalla Guardia di Finanza dal 1 gennaio del 2021. Sul fronte del lavoro nero sono 26.537 i lavoratori irregolari scoperti mentre sono stati 1.615 i casi di evasione fiscale internazionale. Ammonta invece a 1,4 miliardi il valore dei beni sequestrati in materia di riciclaggio e antiriciclaggio, con la denuncia di 4.684 persone. Sul fronte del finanziamento al terrorismo, sono state circa 1.600 le segnalazioni di operazioni sospette. Nell’ambito della lotta alla contraffazione, i reparti del Corpo hanno eseguito 16.200 interventi, sequestrando 565 milioni di prodotti contraffatti con il falso marchio ‘made in Italy’ e non sicuri. (Italia News Press Agency - 'Credit Press Guardia di Finanza' - www.italianews.org)


(International Press Agency) - Citizenship income, the scams discovered by the Italian Guardia di Finanza do not stop. Official Inps data. Reddito di cittadinanza, non si fermano le truffe scoperte dalla Guardia di Finanza italiana. I dati ufficiali Inps. Nei giorni scorsi i Finanzieri del Gruppo di Palermo, hanno condotto attività di intelligence economico-finanziaria in collaborazione con l’INPS, individuando 46 soggetti di nazionalità straniera che avrebbero falsamente attestato di essere residenti in Italia da almeno dieci anni, di cui gli ultimi due anni in modo continuativo, per un danno erariale di 201.384,21 euro. Le Fiamme Gialle del capoluogo siciliano hanno quindi proceduto a segnalare i 46 soggetti alla Procura della Repubblica, che ha anche concesso l'autorizzazione alla divulgazione della notizia. E proprio in questi giorni l'Inps ha divulgato i dati ufficiali di Aprile sulla situazione "Reddito di cittadinanza e Pensione di cittadinanza", spesi ben 668 milioni di euro. Nel mese di Aprile i nuclei percettori complessivi sono stati 1.522.879 divisi tra 1.387.454 Reddito di cittadinanza e 135.425 Pensione di cittadinanza, con 3.362.180 di persone coinvolte. L'importo medio erogato è stato di 588 euro per il Rdc e 270 euro per la Pdc. I beneficiari sono distribuiti tra: Sud e Isole 882mila percettori; Centro 217mila beneficiari; Nord 277mila che ritirano il Reddito o Pensione di cittadinanza per una spesa solo ad Aprile di ben 668 milioni di euro. Su fronte del lavoro, al 31 dicembre 2021, ben l'80% dei percettori del Rdc (843mila) seppure “occupabili”, risultavano senza lavoro. (Italia News Press Agency - 'Credit Press Guardia di Finanza' - www.italianews.org)

(International News Press Agency) - Emanuela Orlandi, brother Pietro: "After 39 years we are at a turning point". Emanuela Orlandi, il fratello Pietro: "Dopo 39 anni dalla scomparsa siamo a una svolta". La 15enne scomparve nel nulla il 22 gigno 1983. Io e l'avvocato abbiamo elementi in mano che possono aiutarci con certezza a capire che cosa è successo. Però ci serve la collaborazione di persone anche che lavorano in Vaticano, che sono a conoscenza di questo fatto, che si liberino la coscienza e che abbiamo il coraggio di non rimanere nell'anonimato. Abbiamo bisogno di loro". A dirlo all'Adnkronos, è il fratello Pietro Orlandi. "Il Vaticano non vuole ascoltarci, nonostante Papa Francesco mi abbia risposto e in una lettera mi abbia esortato a condividere gli elementi a nostra conoscenza con il Vaticano. Uno di questi elementi consiste in alcuni messaggi Whatsapp tra due persone vicine a Papa Francesco su telefoni riservati della Santa Sede -rivela Orlandi- che parlano di movimenti legati a questa vicenda, di documentazioni su Emanuela, e dicono che ne era al corrente Papa Francesco e il cardinal Abril, che all'epoca era il presidente della commissione cardinalizia dello Ior". "Un giorno la Chiesa dovrà chiedere scusa, nessun potere, per quanto forte, potrà mai fermare la verità, anche se resterà solo una persona a difenderla", ha poi detto intervenendo al sit in a Roma a 39 anni dal rapimento della sorella. (Adnkronos by Italia News Press Agency - www.italianews.org)


(International Press Agency) - Italian Finance Police, “Black House Rent” operation discovers black rents. Guardia di Finanza, operazione “Black House Rent” scopre gli affitti in nero. Da Asiago alla Maremma si susseguono le brillanti operazioni dei finanzieri per smascherare "i furbetti degli affitti irregolari". Dopo la campagna “Black Boat Rent” sugli gli affitti in nero dei posti barca che ha fatto emergere una evasione fiscale di oltre 850.000 euro, ora le Fiamme Gialle maremmane con il progetto “Black House Rent” intensificano i controlli anche per le locazioni irregolari di immobili. I controlli finora conclusi hanno snidato molti soggetti che affittavano completamente in nero i loro immobili: dal “semplice” bilocale a prestigiose ville con cifre di affitti a 4 zeri a settimana. Per loro sanzioni per quasi 500mila euro, ma sono in corso ulteriori attività di analisi e sviluppo dati a carico di persone fisiche e società di intermediazione, operanti tra Follonica, Castiglione della Pescaia, Marina di Grosseto, Argentario e Capalbio. Questi interventi proseguiranno senza sosta a tutela dei cittadini e dell’economia legale, nonché per fornire anche una concreta risposta di legalità agli imprenditori che lavorano in regola ed alle Associazioni di categoria con le quali c’è un costante fattivo rapporto di collaborazione. La Guardia di Finanza invita tutti coloro che svolgono questo tipo di attività a regolarizzarsi ed a pagare il dovuto sia alle Amministrazioni comunali che all’Erario, poiché “affittare in nero” danneggia tutti, distorce la giusta ed equa concorrenza tra operatori e rischia di fornire una brutta immagine del territorio. (Italia News Press Agency - Credit Press Guardia di Finanza - www.italianews.org)

(International Press Agency) - Europol (European Police), operation against SMS-based FluBot spyware that infects Android phones. Europol (Polizia Europea), operazione contro lo spyware FluBot basato su SMS che infetta i telefoni Android. L'operazione internazionale ha coinvolto 11 paesi portando all'eliminazione di uno dei malware mobili più pericolosi e a più rapida diffusione. FluBot malware Android si è diffuso in modo aggressivo tramite SMS, rubando password, dettagli bancari online e altre informazioni sensibili, da smartphone infetti in tutto il mondo. Questo risultato tecnico segue una complessa indagine che ha coinvolto le forze dell'ordine con il coordinamento dell'attività internazionale svolta dal Centro europeo per la criminalità informatica di Europol (EC3). FluBot dal 2021 ha compromesso un numero enorme di dispositivi in tutto il mondo e il malware è stato installato tramite messaggi di testo che chiedevano agli utenti Android di fare clic su un collegamento e installare un'applicazione per tracciare la consegna di un pacco o ascoltare un falso messaggio di posta vocale. Una volta installato, FluBot richiedeva i permessi di accessibilità e gli hacker hanno quindi avuto accesso per rubare le credenziali dell'app bancaria o i dettagli del conto in criptovaluta e disabilitare i meccanismi di sicurezza integrati. Quindi, se il tuo dispositivo è stato infettato, esistono due modi per sapere se un'app può essere un malware: Se tocchi un'app e non si apre; Se provi a disinstallare un'app e viene invece visualizzato un messaggio di errore; Se ritieni che un'app possa essere un malware, ripristina il telefono alle impostazioni di fabbrica. Scopri di più su come proteggerti dal malware mobile. (Italia News Press Agency - Credit Press 'Europol' - www.italianews.org)


(International Press Agency) - 3,589 minors have disappeared in Italy in the first 4 months of 2022. Sono 3.589 i minori scomparsi in Italia nei primi 4 mesi del 2022. I dati del Viminale raccontano di 1.180 scomparsi italiani e 2.409 quelli stranieri. Per il ministero dell’Interno, nel 2021 i minori scomparsi erano stati 12.117 di cui il 3.324 italiani e 8.793 stranieri, numero riferito soprattutto a minorenni entrati in Italia clandestinamente. I minori italiani scomparsi, invece, sono spesso vittime di disagi familiari e relazionali ovvero di concause che ne provocano l’allontanamento: droga, debiti, cyberbullismo, adescamenti in web, casi di revenge porn. Altri casi, invece, riguardano minori vittime di contese familiari o genitoriali. L’esperienza dimostra che le prime ore immediatamente successive alla scomparsa, sono fondamentali per le ricerche e per scongiurare rischi all’incolumità del minore. E’ quindi fondamentale denunciare subito la scomparsa presso gli uffici delle Forze di Polizia e, nell’immediatezza, contattando il 112 Numero Unico di Emergenza. In Italia è inoltre attivo, grazie a un Protocollo tra Ministero dell’Interno e Telefono Azzurro, anche il numero unico europeo per i minori scomparsi 116000. Per agevolare le ricerche, fotografie ed informazioni sui minori scomparsi sono presenti sul sito del Global Missing Children’s Network https:it.globalmissingkids.org gestito dalla Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato. Inoltre i Prefetti, grazie ad un accordo con la società Euronet che gestisce la rete degli sportelli Atm, possono far pubblicare sugli schermi, presenti in numerose città, in Italia e all’estero, foto e notizie dei minori scomparsi. (Adnkronos by Italia News Press Agency - www.italianews.org)

(International Press Agency) - Revenge porn, Italian Privacy Guarantor: here are the measures for the protection of victims. Revenge porn, Garante privacy italiano: ecco i provvedimenti per tutela vittime. Il revenge porn e, più in generale, il fenomeno della pornografia non consensuale, consiste nella diffusione di immagini pornografiche o sessualmente esplicite a scopo vendicativo (ad esempio per 'punire' l’ex partner che ha deciso di porre fine ad una relazione) o per denigrare pubblicamente, bullizzare e molestare la persona cui si riferiscono. L’attuale intervento rientra tra i compiti attribuiti all’Autorità dalle modifiche normative introdotte al Codice privacy a dicembre 2021. Ora spetta infatti al Garante ricevere segnalazioni da parte di chiunque, compresi i minori con più di quattordici anni, abbia un fondato motivo di ritenere che registrazioni audio, video, foto a contenuto sessualmente esplicito che lo riguardano possano essere pubblicati sulle piattaforme digitali, senza il suo consenso. Ricevuta la segnalazione il Garante si attiva tempestivamente per disporre il blocco preventivo nei confronti delle piattaforme indicate dal segnalante. Per questo sono partiti i primi cinque provvedimenti adottati dal Garante privacy a tutela di potenziali vittime. L’Autorità ha ingiunto in via d’urgenza a Facebook, Instagram e Google di adottare immediatamente tutte le misure necessarie ad impedire la diffusione sulle relative piattaforme del materiale (video, foto) segnalato da alcune persone che ne temevano la messa online. Contro il revenge porn esiste infatti un canale di emergenza per le vittime potenziali, che nasce per aiutare le persone che temono la diffusione senza il loro consenso di foto o video intimi. Qui le informazioni, qui il modulo per le segnalazioni al Garante. (Adnkronos by Italia News Press Agency - www.italianews.org)


(International Press Agency) - Collection of signatures to abolish Citizenship Income, from 15 June in all Italian squares. Raccolta firme per abolire Reddito di cittadinanza, dal 15 giugno in tutte le piazze d'Italia. In questi anni il Rdc ha generato truffe per centinaia di milioni di euro, su 15 miliardi di euro spesi in due anni. "Vogliamo abolire il reddito di cittadinanza e come previsto dalla legge dal 15 giugno partirà la raccolta ufficiale di firme. Ma vogliamo soprattutto cambiare il mondo del lavoro per i più giovani". Lo scrive sui canali social il segretario di Italia viva, Matteo Renzi. Il reddito di cittadinanza è uno “strumento sbagliato, va riscritto tutto” secondo il presidente di Italia Viva Ettore Rosato che scrive sui social: “Siamo al paradosso che spendiamo un sacco di soldi ma ci sono poveri senza aiuto, disoccupati senza proposte di lavoro, aziende senza lavoratori, più lavoro nero. Ci vogliono più soldi per la lotta alla povertà, risorse direttamente alle aziende che assumono, più soldi in busta paga a chi lavora". Ad aprile 2022, rivela l’Inps, i nuclei beneficiari del reddito di cittadinanza sono stati 1,19 milioni con un importo medio erogato a livello nazionale di 561 euro. Nel mese la spesa è stata di 668 milioni di euro. I percettori sono 2,31 milioni di cittadini italiani, 238mila extra comunitari e 90mila europei. Per i nuclei con presenza di minori l'importo mese è 687 euro. I nuclei con disabili percepiscono mediamente 492 euro. Le aree geografiche vedono 450mila beneficiari al Nord, 348mila al Centro e 1,85 milioni al Sud, isole comprese. (Italia News Press Agency - www.italianews.org) >>>

(International Press Agency) - Pensione di cittadinanza, Guardia di Finanza scopre truffa a Rovigo. Dopo le centinaia di milioni estorti allo Stato con le truffe al Reddito di cittadinanza, ora arrivano quelle ai fondi destinati alle pensioni dei veri bisognosi italiani. Questa volta i finanzieri del Comando di Rovigo hanno scoperto 100 Rumeni che godevano del beneficio grazie alle famose 'autocertificazioni' previste da chi ha voluto e istituito la legge. Le Fiamme Gialle hanno quindi individuato i truffatori dai controlli operati sulle banche dati dalle quali risultavano che i 100 individui di nazionalità rumena erano percettori della citata 'pensione di cittadinanza' senza aver alcun requisito. Sono quindi scattate le denunce presso diverse Procure della Repubblica con l'immediato sequestro delle carte Postamat, con le quali avevano già beneficiato illecitamente di 311.703,74 euro. Si rammenta che la citata 'Pensione di Cittadinanza' è destinata solo a ultra 67enni (cittadini italiani), oppure di età inferiore se disabili o non autosufficienti ed è 'permanente', si percepisce cioè fino al decesso dell'interessato o perdita della residenza italiana. Dall’inizio dell’anno salgono così a 192 le persone denunciate dal Comando Provinciale Gdf di Rovigo, con una frode accertata per circa 1 milione di euro. Giova rammentare che in questi anni il Rdc ha generato truffe operate da decine di migliaia di cittadini italiani, europei ed extracomunitari, per centinaia di milioni di euro, su 15 miliardi di euro spesi in due anni dallo Stato italiano per agevolare la vita ai veri bisognosi cittadini italia. (Italia News Press Agency - 'credit Press' Guardia di Finanza - www.italianews.org)


(International Press Agency) - Europol (European Police) and Carabinieri: 13 arrested in Italy for lovingly deceiving the elderly. Europol (Polizia Europea) e Carabinieri: 13 arrestati in Italia per aver ingannato con amore gli anziani. Il Corpo dei Carabinieri Italiani, sostenuto da Europol, ha smantellato un'organizzazione criminale che circuiva anziani tra 70 e 90 anni per frode, sfruttamento sessuale e riciclaggio di denaro tra Germania, Paesi Bassi e Romania. La banda criminale familiare, composta prevalentemente da cittadini rumeni, ha preso di mira vittime anziane del sud Italia e Calabria. La rete criminale ha utilizzato giovani donne lavoratrici domestiche per frodare gli anziani che avrebbero il compito di convincere i loro anziani clienti maschi a prestare loro ingenti somme. Spesso hanno intrattenuto una relazione sessuale con l'anziano utilizzando pretesti per chiedere aiuto finanziario, come problemi di salute, personali o malattia di un familiare. Altri membri del gruppo criminale poi trasferivano il denaro in Romania e riciclati in immobili, veicoli e oro. L'indagine stima che la banda criminale sia riuscita a guadagnare più di 1 milione di euro attraverso questa attività criminale. Durante le indagini, le forze dell'ordine hanno identificato 56 membri della banda criminale. Europol è l'agenzia di contrasto della UE. Ha sede a l'Aia e supporta i 27 Stati membri nella lotta contro terrorismo, criminalità informatica e altre forme gravi e organizzate di criminalità. (Italia News Press Agency - credit Press 'Europol' - www.italianews.org) >>>

(International Press Agency) - Anniversary of the Capaci massacre. Giovanni Falcone: the man that the state first abandoned and then cried. Anniversario della strage di Capaci. Giovanni Falcone: l'uomo che lo Stato prima abbandonò e poi pianse. La oscura vicenda dell'attentato del 23 maggio 1992. A luglio, poi, l'autobomba e la morte di Paolo Borsellino. I due magistrati erano odiati dalla mafia ... ma non certo amati dallo Stato. Con Francesca Morvillo e Giovanni Falcone muoiono anche tre uomini della scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Lo disse il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa e lo aveva ribadito Falcone: "quando un uomo dello Stato, un uomo che lotta contro la mafia, viene isolato, lasciato solo, ebbene, quello è il momento in cui diventa una vittima certa della mafia". La cronaca: "quel 23 maggio 1992 Falcone arriva all’aeroporto di Palermo e sale su una Fiat Croma bianca in compagnia della moglie Francesca Morvillo. Qualcuno sta osservando la scena e vede anche le altre due auto di scorta del giudice. Il corteo, infatti, non sa che su una strada laterale c’è chi segue con attenzione, da un’altra vettura, il viaggio verso Palermo di Falcone. Poi a Capaci, il segnale per chi sta sulla collinetta, Giovanni Brusca, è lì su ordine di Totò Riina, il capo dei capi. Esplode l’autostrada, 500 chili di tritolo che mandano la prima auto a 60 metri di distanza, mentre quella del giudice si ferma sotterrata dalla deflagrazione, sull’orlo del cratere creato da quello scoppio. È una scena apocalittica quella che i soccorritori vedono quando arrivano sul posto, con frammenti di lamiere e pezzi di autostrada rinvenuti perfino a 500 metri di distanza. (Italia News Press Agency - www.italianews.org)


(International Press Agency) - Italian Finance Police of Bologna: precautionary custody for condominium administrator guilty of embezzlement. Guardia di Finanza di Bologna: custodia cautelare per amministratore di condominio reo di appropriazione indebita. Il noto amministratore di condominio è reo di essersi appropriato indebitamente di somme di denaro drenate dai conti correnti dei condomini amministrati. Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Bologna, a conclusione di un’indagine, condotta dal Dott. Marco Imperato della Procura della Repubblica di Bologna, hanno provveduto a diverse perquisizioni in Bologna, provincie di Ferrara e Ravenna e hanno quindi eseguito l'ordinanza di custodia cautelare personale e reale, emessa dal GIP presso il Tribunale di Bologna, Dott. Domenico Truppa nei confronti di un noto amministratore di condomini di Bologna. In particolare, le fiamme gialle del 2° Nucleo Operativo Metropolitano hanno rilevato che nel periodo tra il 2017 e il 2021 l’amministratore, che gestisce con la moglie oltre 150 condomini, con la complicità di questa e di un cittadino macedone titolare di una impresa edile si sono illecitamente appropriati di denaro, drenandoli dai conti correnti dei condomini amministrati per circa 324.000,00 euro somma per la quale sono stati disposti altrettanti sequestri. L’attività esperita testimonia il costante impegno della componente territoriale della Guardia di Finanza di Bologna nella lotta a tutte quelle condotte illecite perpetrate nei confronti di ignari cittadini. Nulla osta A.G. concesso. (Italia News Press Agency - credit Press Guardia di Finanza - www.italianews.org)

(International Press Agency) - Italian Guardia di Finanza and Aeronautica Militare: cooperation agreement in the operational, training and logistic fields. Guardia di Finanza e Aeronautica Militare: accordo di cooperazione in campo operativo, addestrativo e logistico. La firma a Roma del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Generale di C.A. Giuseppe Zafarana, e del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di S.A. Luca Goretti. Il campo di applicazione del documento è particolarmente ampio ed include aspetti operativi, addestrativi e logistici. Le attività riguardano specifiche competenze dell’A.M. che vanno dall’addestramento al volo (anche simulato), a quello logistico-manutentivo fino al campo meteorologico. “C’è grande soddisfazione per l’accordo siglato oggi tra Aeronautica Militare e Guardia di Finanza”, ha sottolineato il Generale Goretti, “un accordo che sugella la straordinaria comunanza d’intenti tra le due Istituzioni e che apre la strada a forme di collaborazione ancor più importanti. Considerateci vostri amici e colleghi in tutti i frangenti, abbiamo molto da imparare da voi e voi avete sicuramente qualcosa da chiedere anche a noi. Saremo ben felici di dare il massimo supporto ed un contributo significativo nelle attività che ci vedranno coinvolti” Il Generale Zafarana ha sottolineato quanto “questo accordo rappresenti una pietra miliare per lo sviluppo di sinergie soprattutto in alcuni settori fondamentali che vanno dalla logistica, all’addestramento, fino alle direttive di servizio di carattere tecnico. L’accordo di oggi – ha concluso il Generale Zafarana - pone le basi per poter incrementare ulteriormente la nostra collaborazione”. (Italia News Press Agency - 'credit Press' Guardia di Finanza - www.italianews.org)


(International Press Agency) - Emergency income scam, Treviso financiers discover 110 illegal earners. Truffa al Reddito di Emergenza, i finanzieri di Treviso scoprono 110 percettori illegali. L’attività di intelligence delle Fiamme Gialle, denominata “Operazione All Inclusive”, ha accertato che ben 101 persone di nazionalità straniera (in gran parte provenienti da Paesi dell’Africa centrale) hanno percepito somme per oltre 200 mila euro, senza averne i requisiti. Lo Stato italiano, ha infatti previsto aiuti a favore dei nuclei familiari italiani in sofferenza di liquidità a causa della perdurante emergenza epidemiologica. Mentre i controlli eseguiti dai Reparti dipendenti dal Comando Provinciale di Treviso, finalizzati ad assicurare che le risorse pubbliche siano corrisposte a chi ne ha realmente bisogno, hanno permesso di individuare 101 stranieri che, sebbene ospitati nei C.A.S. di Treviso, Oderzo, Vittorio Veneto e Onè di Fonte, hanno richiesto e percepito l’importante misura, per una somma complessiva di 200.680 Euro. Dall’inizio dell’anno, sono numerosi i casi già individuati dagli uomini della GdF di Treviso, tutti connotati da carenza assoluta dei requisiti per poter beneficiare delle tante misure di sostegno sociale, adottate nei confronti di cittadini e imprese per fronteggiare il particolare momento storico: oltre al Reddito di Emergenza, le Fiamme Gialle trevigiane continuano a monitorare la corretta erogazione del Reddito di Cittadinanza e dei sostegni alle aziende, sotto forma sia di finanziamenti a fondo perduto che di prestiti garantiti dallo Stato. (Italia News Press Agency - credit Press Guardia di Finanza - www.italianews.org)

(International Press Agency) - Italian Finance Police of Cremona and Novara arrest 5 people: they had presented 10 thousand false citizenship income applications. Finanzieri di Cremona e Novara arrestano 5 persone: avevano presentato 10mila domande per reddito di cittadinzanza false. Eseguiti cinque arresti tra appartenenti ad una associazione per delinquere che ha arrecato un danno di oltre 21,5 milioni di euro all'erario tramite l'indebita presentazione di oltre 10.000 domande di reddito di cittadinanza. Gli approfondimenti investigativi sono stati eseguiti dopo l’esecuzione dei primi 24 provvedimenti restrittivi nei confronti degli organizzatori ed ispiratori del gruppo che, in poco più di un anno, ha arrecato un danno di oltre 21,5 milioni di euro all’erario presentando oltre 10.000 domande di Reddito di Cittadinanza sprovviste dei requisiti indicati dalla legge. I promotori, cittadini di origine rumena, avevano il compito di procurare i documenti ed i nominativi di propri connazionali con l'aiuto di complici operanti all'estero. I documenti venivano poi consegnati, tramite persone di fiducia, ai titolari e dipendenti di CAF e Patronati compiacenti, che poi compilavano la falsa documentazione (DSU e codice fiscale). Successivamente, con certificati del codice fiscale e documenti d’identità contraffatti, il sodalizio riusciva ad appropriarsi presso gli uffici postali dei sussidi erogati. Le indagini, sono state condotte anche con la collaborazione delle forze di polizia rumene che hanno rintracciato ed arrestato alcuni membri del sodalizio. Il Procuratore della Repubblica di Milano ha autorizzato la diffusione della notizia, nell’interesse pubblico all’informazione. (Italia News Press Agency - credit Press Guardia di Finanza - www.italianews.org)


(International Press Agency) - Murder Regeni, Rome prosecutor appeals in Cassation against trial suspension. Omicidio Regeni, procura Roma ricorre in Cassazione contro sospensione processo. La Procura di Roma ha presentato ricorso in Cassazione impugnando l’ordinanza del gup dello scorso 11 aprile di sospensione del processo sull'omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore italiano sequestrato, torturato e ucciso in Egitto nel 2016. Con questa iniziativa la procura, con il procuratore aggiunto Sergio Colaiocco titolare del fascicolo, chiede l’annullamento della decisione del gup e prima ancora della Corte di Assise di Roma per superare la situazione di stasi processuale che si e’ venuta a determinare. I giudici della Terza Corte d'Assise di Roma il 14 ottobre scorso, chiamati a decidere sull'assenza in aula dei quattro 007 egiziani imputati, avevano infatti dichiarato la nullità del decreto che disponeva il giudizio. La questione e’ se risulta sufficiente per la celebrazione del processo il fatto che "vi e’ la ragionevole certezza che i quattro imputati egiziani hanno conoscenza dell’esistenza di un procedimento penale a loro carico avente ad oggetto gravi reati commessi in danno di Giulio Regeni". A parere della procura la decisione assunta sarebbe in contrasto con quanto affermato dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione che affermano che puo’ procedersi, anche se la parte ignori la data dell’udienza e il capo di imputazione, quando si e’ in presenza di ‘finti’ inconsapevoli. Ora saranno i supremi giudici a doversi esprimere sul caso. (Adnkronos by Italia News Press Agency - www.italianews.org)

(International Press Agency) - Child pornography, in 2021 cases in Italy increased by 47%. Pedopornografia, nel 2021 casi in Italia aumentati del 47%. Preziosa l'opera della Polizia delle Comunicazioni italiana, ma i genitori rammentino che ai minori di 13 anni non è consentito l’accesso ai social network. Sono stati 5.316 i casi di pedopornografia trattati nel 2021 dalla Polizia Postale, con un incremento del 47% rispetto all’anno precedente (3.243). In crescita il numero dei minori approcciati sul web dagli adulti abusanti (531), in maggioranza con un’età inferiore ai 13 anni (338 minori, quasi il 64% di cui 306 nella fascia 10-13 anni), ma crescono pure i casi di adescamento online dei bambini nella fascia 0-9 anni (32 casi), nonostante ai minori di 13 anni non sia consentito l’accesso ai social network. E’ quanto emerge dall’approfondimento sull’adescamento online, fenomeno cresciuto in seguito alla pandemia da Covid19, lanciato alla vigilia della Giornata nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia, che ricorre il 5 maggio, con la pubblicazione di un dossier dati e di una guida per i genitori, nell’ambito della collaborazione tra la Polizia di Stato e Save the Children. I dati "rappresentano purtroppo solo la punta dell’iceberg di un fenomeno sommerso, che fatica a venire alla luce". I pedofili o groomer (adulti adescatori interessati a minori), che sfruttano la rete e i suoi servizi per cercare di entrare in contatto con bambini e bambine, ragazzi e ragazze sono stati 208, pari al 15% del numero complessivo degli indagati per lo scambio di materiale pedopornografico (1.421 adulti). Questa percentuale corrisponde ad adulti con una capacità criminale e un modus operandi complessi, basati su una conoscenza approfondita dei linguaggi, delle abitudini d’uso e delle fragilità proprie delle vittime, tale da poter consentire loro di entrare in contatto, condurre l’interazione diretta e governare i rapporti sul web con le bambine, i bambini e gli adolescenti. (Adnkronos by Italia News Press Agency - www.italianews.org)


Online crimes in Italy: two out of three scams run on the web. Reati online in Italia: due truffe su tre corrono sul web. In aumento del 30 per cento le frodi online con al top le truffe tramite il phishing, gli spyware, i ransomware e il social engineering. È quanto emerge dal rapporto presentato oggi nel corso della conferenza sul consuntivo delle tendenze della criminalità a cui hanno preso parte tutte le forze dell'ordine. Presenti all’incontro il Prefetto Vittorio Rizzi, Vice Direttore Generale della Pubblica Sicurezza e Direttore centrale della polizia criminale dell'ordine e il capo della Polizia e Direttore generale della pubblica sicurezza, Lamberto Giannini. Il Prefetto Rizzi ha spiegato di aver assistito ad un aumento del 30,5% rispetto al 2020 dei reati informatici e anche dei reati comuni commessi on line. In salita le truffe tramite il phishing, gli spyware, i ransomware e il social engineering: tutti con l'obiettivo di impadronirsi di dati personali e non solo per finalità predatorie. “Il caso più emblematico è costituito dalle truffe, che nel 65,9% dei casi del 2021, è avvenuta via web (quasi 2 truffe su 3)”, ha spiegato sempre Rizzi, che ha aggiunto: “C'è stata una lieve crescita dei reati rispetto al 2020, che era stato caratterizzato dal lockdown e dalle pesanti restrizioni nella circolazione, ma nel 2021 ci siamo comunque attestati su livelli generali più bassi del periodo pre-pandemia”.

(International Press Agency) - Citizenship income, 6 million euro scam discovered by the Carabinieri in Naples. Reddito di cittadinanza, truffa di 6 milioni di euro scoperta dai Carabinieri a Napoli. Oltre sei milioni e mezzo di euro di sussidio con il reddito di cittadinanza sono stati percepiti indebitamente nel Napoletano da 1.204 persone. E' quanto hanno scoperto i carabinieri che insieme a quelli dell'Ispettorato del Lavoro con la collaborazione dell'Inps dopo 5 mesi di infagini. Dalle verifiche sono emerse 651 posizioni irregolari. Sono state 553 persone denunciate per truffa ai danni dello Stato. Al setaccio sono state passate le richieste di sussidio avanzate tra Napoli e provincia da 1167 nuclei familiari e 2300 persone Nel solo comune di di Marano sarebbe stato elargito più di un terzo della somma a persone che non avrebbero, secondo i carabinieri alcun diritto: 125 il numero delle persone denunciate. I carabinieri della compagnia Napoli Centro che hanno denunciato per truffa aggravata 129 cittadini di nazionalità romena, residenti in diverse municipalità del comune di Napoli, che percepivano il Rdc senza però aver il requisito dei 10 anni di residenza in Italia, come invece falsamente dichiarato, intascando con frode 700mila euro. Nel comune di Pozzuoli sono stati scoperti addirittura 12 parcheggiatori abusivi con il reddito di cittadinanza. Tra questi, con un libretto postale su cui erano depositati quasi 13mila euro. (Italia News Press Agency - www.italianews.org)


(International Press Agency) - Europol (European Police): dismantled one of the largest hacker forums in the world. Europol (European Police): smantellato uno dei più grandi forum di hacker del mondo. RaidForums, uno dei più grandi forum di hacking del mondo, con una community di oltre mezzo milione di utenti, vendeva l'accesso a milioni di carte di credito, numeri di conti bancari e informazioni, nonché nomi utente e password per accedere agli account online. L'operazione TOURNIQUET, coordinata a livello internazionale dal Centro europeo per la criminalità informatica di Europol, ha rappresentato il culmine di un anno di meticolosa pianificazione tra le forze coinvolte nella preparazione dell'azione. I partner hanno lavorato a stretto contatto nell'ambito della Joint Cybercrime Action Taskforce (J-CAT) ospitata presso Europol, consentendo agli inquirenti di definire i diversi ruoli svolti all'interno di questo mercato: amministratore, riciclatori di denaro, utenti preposti al furto/caricamento dei dati e acquirenti. All'operazione hanno partecipato: autorità di polizia svedese (Polisen), Polizia Nazionale Romania (Politia Româna), Polizia giudiziaria Portogallo (Polícia Judiciária), Ufficio federale di polizia criminale tedesca (Bundeskriminalamt), US Secret Service (USSS) Usa, Federal Bureau of Investigation (FBI) Usa, Internal Revenue Service Criminal Investigation (IRS-CI) Usa, National Crime Agency (NCA) Regno Unito, Europol: Centro europeo per la criminalità informatica, Joint Cybercrime Action Taskforce. (Italia News Press Agency - credit press Europol - www.italianews.org)

(International Press Agency) - Guardia di Finanza, the investigations against citizenship income scams do not stop. Guardia di Finanza, non si fermano le indagini contro le truffe al Reddito di cittadinanza: denunciati in 157 tra Crotone e Rovigo. La preziosa opera dei 'Baschi Verdi' non conosce confini regionali nello scoprire le illecite percezioni riservate ai veri bisognosi. E oggi nella rete degli illeciti sono caduti ben in 102 stranieri a Crotone e 55 a Rovigo. In particolare, i solerti Finanzieri del Comando Provinciale della citta calabrese, hanno individuato - anche grazie alla collaborazione fornita dai locali uffici dell'INPS - 102 soggetti ritenuti responsabili di aver percepito illecitamente il reddito di cittadinanza per un importo complessivo di circa 500mila euro. Il tutto secondo una abitudine consolidata, cioè quella di dichiarare falsamente di essere residenti in Italia da più di 10 anni. Stessa frode per i 55 stranieri che a Rovigo sono stati scoperti nella proficua operazione condotta dai finanzieri del Comando Provinciale di Rovigo su diversi comuni del basso polesine. L’indagine si è svolta seguendo un approccio strategico varato a livello regionale e teso a contrastare ogni potenziale tentativo di infiltrazione criminale nel tessuto economico. Una attività operativa che ha quindi portato a galla una truffa al Rdc del valore di 415mila euro, destinati alle fasce più bisognose della popolazione italiana, già duramente colpite dall’impatto negativo della crisi economica e sociale conseguente all’emergenza pandemica. (Italia News Press Agency - credìt press Guardia di Finanza - www.italianews.org)


International Press Agency - Speed cameras, Italy first in Europe with 14,300 stations. Autovelox, l'Italia prima in Europa con 14.300 postazioni. Il Belpaese si distingue sempre, e ora ha anche il non invidiabile primato di Paese numero uno in Europa e terzo nel mondo, per numero di postazioni Autovelox. A rilevarlo la francese Coyote che da anni opera un continuo lavoro di raccolta dati attraverso il proprio Quality Service Team che gestisce le informazioni in arrivo dalla community monitorando le situazioni di traffico in modo da garantire aggiornamenti in tempo reale a tutti gli automobilisti iscritti al servizio. E secondo i dati, il numero totale di dispositivi nel 2021 era di 14.297: 11.426 autovelox, 304 sistemi tutor e 2.567 telecamere semaforiche. Un record grazie anche agli aumenti degli ultimi tre anni, ben del 40% passando dagli 8.838 del 2019 per gli 11.594 del 2020 fino ai 14.297 dello scorso anno. Nulla a che vedere con i circa 4mila della Gran Bretagna, i 3.800 della Germania e i 2.400 della Francia. Non solo, 'lo stivale' è anche terzo nel mondo dopo Brasile e Russia. Ma ecco le suddivisioni regionali: Lombardia (17,4%), Veneto (20,5%), Piemonte (14,1%), Emilia Romagna (12%), Toscana (6,6%), Marche (5,1%), Trentino Alto Adige/Sud Tirol (5,1%). La situazione nel centro sud Italia delinea invece un quadro decisamente diverso, con poche centinaia di postazioni. (Adnkronos by Italia News Press Agency - www.italianews.org)

The Guardia di Finanza of Brindisi crushes a flourishing international drug trafficking and carries out 23 arrests. La Guardia di Finanza di Brindisi stronca un fiorente traffico di droga internazionale e opera 23 arresti. Questa mattina, in una brillante operazione, i Finanzieri del Comando Provinciale di Brindisi, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, hanno eseguito 23 arresti di soggetti residenti nelle province di Brindisi, Taranto, nonché in Calabria ed in Albania, tutti appartenenti ad una organizzazione criminale transnazionale dedita al trasporto ed alla commercializzazione sul territorio italiano di ingenti quantitativi di sostanza stupefacente. Le indagini, avviate nel 2018 dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, hanno evidenziato la presenza a Brindisi di un gruppo costituente il terminale italiano di un’organizzazione balcanica, in grado di importare nella provincia brindisina significative partite di eroina e cocaina, rispettivamente in arrivo dalla Turchia e dall’Olanda, poi smistate sulle diverse piazze di spaccio della regione pugliese ed in provincia di Reggio Calabria. I reati ipotizzati, a vario titolo, nei confronti dei 45 soggetti coinvolti nelle indagini sono di: traffico internazionale di stupefacenti, estorsione aggravata da metodo mafioso, detenzione e porto in luogo pubblico di armi comuni ed armi da guerra, danneggiamento, violazione agli obblighi imposti dalla misura di prevenzione della Sorveglianza Speciale di P.S. ed autoriciclaggio. Nel corso delle attività sono stati sequestrati: kg 57,526 di cocaina; 200 gr. di eroina; kg 20 circa di sostanza da taglio; 202.540 euro in banconote di vario taglio; 2 pistole e n. 1 ulteriore caricatore; 2.205 cartucce di vario calibro. Plauso, quindi, agli uomini tutti della Fiamme Gialle di Brindisi comandate dal Colonnello Piergiorgio Vanni.


International Press Agency - Europol (European Police): war in Ukraine: "refugees arriving in the EU at risk of exploitation". Europol (Polizia Europea): guerra in Ucraina: "i rifugiati che arrivano nella UE a rischio di sfruttamento". Secondo l'Onu, 3 milioni di persone hanno lasciato l'Ucraina e le reti criminali possono sfruttare questa situazione per profitti e attività criminali. La maggior parte dei rifugiati sono donne, bambini e persone vulnerabili, che sono le potenziali vittime ideali delle reti criminali impegnate nella tratta di esseri umani. Con oltre un milione di bambini che hanno lasciato l'Ucraina durante la guerra, i minori non accompagnati che arrivano nell'UE sono particolarmente a rischio. Tra le potenziali vittime vi sono principalmente donne e bambini, ma anche anziani e altre categorie vulnerabili come i disabili mentali e fisici. Tra questi, sono a rischio di vittimizzazione anche i minori non accompagnati, compresi quelli rimasti orfani durante la guerra, nonché i minori che viaggiano con tutori (diversi dai genitori) per i quali non è possibile effettuare un'accurata verifica. Le donne possono cadere preda di sfruttamento sessuale, programmi di maternità surrogata illegale, accattonaggio forzato o criminalità. I bambini possono essere presi di mira per sfruttamento sessuale, programmi di adozione illegale o possono essere costretti dai criminali a mendicare e criminalizzare. Anche gli anziani e altre categorie vulnerabili rischiano di cadere nelle mani di sfruttatori, costretti a mendicare o utilizzati in schemi di frode. L'uso di gruppi di social media (costituiti da volontari) in cui vengono pubblicate le richieste individuali e le offerte di supporto sono fonti di informazioni ideali per i gruppi criminali. Queste piattaforme di social media contengono spesso informazioni dettagliate sui rifugiati (posizione, numeri di telefono, immagini) e sui loro figli. I criminali possono utilizzare queste piattaforme per identificare e contattare potenziali vittime. Un altro rischio è che i criminali si presentino nei centri di accoglienza e alloggio come volontari. (Italia News Press Agency - www.italianews.org)

International Press Agency - The italian Guardia di Finanza commemorates the two heroic financiers Antonio Sottile and Alberto De Falco, who were brutally killed 22 years ago in Brindisi. La Guardia di Finanza commemora i due eroici finanzieri Antonio Sottile e Alberto De Falco, che 22 anni fa furono brutalmente uccisi a Brindisi. Era infatti il 23 febbraio del 2000 quando perdevano la propria vita terrena il Vice Brigadiere Alberto De Falco e il Finanziere scelto Antonio Sottile, durante l’eroico tentativo di bloccare un’autocolonna contrabbandiera. Oggi l'annuale commemorazione alla presenza di congiunti, colleghi e massime Autorità istituzionali civili e militari. La ventosa mattinata di oggi inizia con lo schieramento dei colleghi delle ‘fiamme gialle’, presso il “cippo” posto in località Madonna di Jaddico, la location dove da ben 22 anni si commemorano gli indimenticabili Alberto e Antonio. Una giornata a loro dedicata “mentre prestavano servizio per il proprio paese”. Ma anche un momento di riflessione per questi due "uomini dello Stato immolatisi in nome della legalità”. A fare gli onori di casa il Comandante Provinciale di Brindisi Colonnello Piergiorgio Vinci, che insieme a tutti gli altri suoi uomini schierati accolgono gli intervenuti nonché il Generale di Divisione Francesco Mattana nell’incarico di Comandante Regionale Puglia della Gdf di Bari. Una cerimonia come sempre densa di commozione sulla quale si è soffermato il Generale Mattana: “oggi siamo tutti insieme nel rendere onore a questi due nostri ragazzi … finanzieri che prestando giuramento si sono resi ‘servitori dello Stato’ ma anche esempi ideali per le generazioni attuali e future”. Commozione infinita, alla lettura della motivazione con la quale fu loro assegnata la 'Medaglia d'oro al Valor Civile alla memoria'. (Italia News Press Agency - www.italianews.org)


Greece-Brindisi ferry fire, 12 missing. The providential aid of the italian Guardia di Finanza averted a massacre. Incendio traghetto Grecia-Brindisi, 12 i dispersi. Il providenziale soccorso della Guardia di Finanza italiana ha evitato una strage. Il maggiore Simone Cristalli della Gdf racconta quei drammatici momenti. Per l'incendio del traghetto 'Euroferry Olympia' della Grimaldi Lines, sono 12 i dispersi. Lo afferma il ministro greco Ioannis Plakiotakis secondo il quale tra i dispersi ci sono tre cittadini greci, mentre sono 280 le persone che sono state tratte in salvo. I finanzieri-eroi del pattugliatore P.01 'Monte Sperone' sono stati protagonisti dell'intervento di soccorso al largo di Corfù e il comandante dell'unità navale, maggiore della Gdf Simone Cristalli, racconta i drammatici momenti: "Alle 4.20 abbiamo ricevuto la chiamata da una nave in difficoltà che ci chiedeva aiuto, procedendo a dichiarare l'abbandono del mezzo. Tra i passeggeri, ma anche tra i membri dell'equipaggio, c'era massima apprensione con tantissime persone che piangevano, l'incendio su una nave è un evento spaventoso. Abbiamo soccorso anche bambini piccolissimi. Noi siamo abituati a operare in contesti di elevata tensione, lo studio delle procedure e il sangue freddo ci devono accompagnare. Sono orgoglioso del mio equipaggio. La situazione era delicata, un incendio su una nave è una delle cose più pericolose che possa succedere". Per l'eroico salvataggio di ben 243 persone sono arrivati alla Gdf i ringraziamenti di Mattarella.

Alarm for electric scooters, the Lombardy Region asks the Government to make a helmet and insurance obligation. Allarme monopattini elettrici, Regione Lombardia chiede al Governo obbligo casco e assicurazione. La Lombardia vuole più severità sui monopattini e lo fa con una proposta di legge al Parlamento - approvata in consiglio regionale - che intende modificare le norme stabilite dal governo sul loro utilizzo, entrate in vigore nel novembre scorso. L'iniziativa è stata dettata dai numeri allarmanti emersi di recente in merito all’incidentalità di questi mezzi di trasporto: l'anno scorso, in Lombardia e nel Lazio si sono registrati 150 feriti gravi, mentre nella sola Milano da giugno 2020 in poi gli incidenti con richiesta d’intervento di soccorritori sono stati 957. L’iniziativa intende tutelare non solo gli utilizzatori dei monopattini, ma anche gli altri utenti deboli delle strade, a partire dai pedoni. La proposta della Regione Lombardia prevede l’obbligo per tutti della copertura assicurativa nei confronti di terzi (ora è prevista soltanto per i mezzi in sharing), la frequenza di un corso di abilitazione gratuito da parte degli utenti minorenni, l’obbligatorietà del casco anche per i maggiorenni (oggi vige solo per i minorenni) e la presenza del marchio CE sui mezzi circolanti. La proposta di legge approderà in Parlamento. La richiesta Lombarda parte anche dai dati dell'Associazione sostenitori Polstrada, che riportano nel solo 2021 12 morti e 150 incidenti con feriti gravi.

Riproduzione non consentita ©

Consigli di viaggio
Reportage
Iscriviti Viaggi News FB
Miami Beach News
Dubai City News