www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Viaggi e turismo - Ungheria
L'affascinante signora d'Europa conquista per bellezza ed eleganza

ROMA (Italy) - Da sempre contraddistinto come il paese più occidentalizzato dell'est, ha saputo mantenere, anche se con enormi sacrifici in termini di vite umane, una propria spiccata identità "magiara". L'occupazione sovietica, infatti, non ha intaccato il cammino di modernizzazione che, invece, ha frenato i paesi confinanti. Anche per questo motivo, la sua capitale Budapest risulta la più vivibile agli occhi di noi occidentali. Quindi, se decidete di effettuare un tour del paese non mancate di visitare la sua frizzante capitale ed il non molto lontano Lago Balaton, la Riviera Romagnola dell'Ungheria, per intenderci. Quest'ultimo, in particolare, è ricco di paesini in cui la tranquillità e la serenità la fanno da padrona. Di Budapest il turista rimane comunque entusiasta per quello che questa meravigliosa città gli offre: un eccellente lungofiume che pullula di ristorantini in cui non mancherete di assaggiare le particolari e caratteristiche pietanze locali.


Budapest, la capitale dell’Ungheria è tagliata in due dal Danubio. Sulla sponda destra, immersa in un dolce paesaggio collinare, si trovano Buda e Óbuda (la vecchia Buda), in cui risiedono i nuclei storici e la maggior parte dei segni del passato. Sulla riva sinistra è situata Pest, la parte più grande e pianeggiante, il cuore amministrativo della capitale. La città, estesa su 525 km2, ha una popolazione di poco meno di 2.000.000 di abitanti ed è divisa in 23 quartieri, amministrati dai rispettivi consigli. Budapest è una città con tanti livelli d'interesse. Non mancano motivi e luoghi in grado di suscitare interesse. A cominciare dai palazzi del lungofiume di Pest, tra i quali domina il Parlamento: rivelano l'influenza culturale asburgica, così come gli edifici di Andrássy út e quelli dei quartieri che si succedono lungo i corsi di Pest. A Buda invece è possibile osservare un intreccio straordinario fra diversi stili di origine di varie epoche storiche.

Le acque del fiume che attraversa la città per 28 km, abbracciano alcune isole fra le quali la più famosa Isola Margherita (Margitsziget), conosciuta anche come "lo scrigno della metropoli". Una foto particolare di BudapestA Óbuda si trovano Aquincum ed i resti dell’antica provincia romana; nel quartiere di Víziváros, ci sono le vestigia turche, la tomba di Gül Baba e alcune importanti strutture termali. Molte di queste sono il lascito della dominazione turca durante la quale si iniziò a sfruttare intensamente la ricchezza delle acque curative della falda che corre per 10 km sotto le colline di Buda. Ricchezza che non era sfuggita a celti e romani (il nome Aquincum pare derivi da Ak Ink cioè acque abbondanti). Furono difatti i romani ad edificare 12 terme nel territorio di Óbuda. La cittadella di Buda però offre le tracce più consistenti della storia, con i resti del sistema di fortificazioni risalenti all'epoca dei primi sovrani ungheresi, le case che contengono elementi architettonici del XV secolo, le vestigia rinascimentali (la Bécsi kapu, Porta Viennese). Budapest, inoltre, offre un percorso religioso, in grado di racchiudere diverse e differenti confessioni religiose: a Pest è possibile effettuare un tragitto dedicato agli edifici sacri, toccando la Basilica, la chiesa parrocchiale di Belváros, la chiesa dei francescani, la chiesa dell'Università, le chiese evangeliche di Deák tér e Kálvin tér, la chiesa serba, la chiesa greco-ortodossa e la sinagoga; Buda ospita la chiesa Mattia, e numerosi altri luoghi di culto si trovano nel quartiere di Viziváros. Molta attenzione, come del resto è abitudine in questi paesi dell'est, per il verde ed i parchi in generale. I trasporti sono eccellenti ed efficienti con particolare riguardo alla rete di metropolitana. Per chi, inoltre, organizza un tour in proprio, i consigli sono di munirsi di apposita agenda con numeri utili nonchè adeguata preparazione alla cultura del paese. Si arriva in aereo a Budapest da Milano e Roma in 1-2 ore. In auto dista 1100 Km da Milano.

Il Balaton è il maggior lago d’acqua dolce dell’Europa Centrale ed è adattissimo alla balneazione: nella bella stagione, da giugno ad agosto, l’acqua si riscalda velocemente, solo raramente scende sotto i 22°C. Nei giorni più caldi può raggiungere perfino i 28°C. Nella riva settentrionale l’acqua diventa presto profonda, intorno a 3 metri. La riva meridionale invece presenta caratteristiche opposte: ci si può allontanare camminando per centinaia di metri e l’acqua non raggiunge i 50 cm. Per questa ragione è ritenuto ideale dalle famiglie con bimbi piccoli. La parte orientale è il paradiso degli amanti del sole, di cui le spiagge godono dalle prime ore del mattino fino a tardo pomeriggio. Sulla riva occidentale si estende l’area protetta del Piccolo Balaton. L'’uso di motoscafi è vietato, così il lago è uno dei più tranquilli d'Europa, un vero e proprio paradiso per lo sport velico e per gli amanti del windsurf. (Giorgio Esposito - esposito.redazione@italianews.org)


Riproduzione non consentita ©