www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Giorgio Esposito

Viaggiare... è sognare, esplorare, scoprire. Grecia, la culla della civiltà tra archeologia e immensi tesori naturalistici sparsi tra le sue 6mila isole da sogno


ROMA (Italy) - La Grecia ed il suo immenso patrimonio storico, sono quasi sempre nell'elenco dei paesi che ogni viaggiatore seriale inserisce tra quelli irrinunciabili da visitare. Questa meravigliosa terra comprende circa 6mila isole e isolotti sparsi tra Mar Egeo e Mar Ionio, di cui solo 227 abitate stabilmente, e l'esperienza che si vive conoscendola è infatti genuina e semplice, come la vita che conducono i suoi abitanti. Una terra selvaggia che racchiude nei suoi paesaggi marini quanto di più bello il Mediterraneo possa offrire: Atene, Creta, Corfù, Santonini, Mikonos e tutte le altre isole maxi o minimissime che affascinano fino poi a preferirle per tutta la vita.

L’arcipelago ellenico vanta 7.500 km di costa con magnifiche spiagge, baie immacolate, dune di sabbia, grotte costiere e scogliere vulcaniche. Una gioia infinita per turisti che a milioni sbarcano sulle 227 isole abitate a fronte delle 6mila che sono censite ufficialmente quali disabitate per tutto l'anno. Il tutto diviso tra Mar Egeo con le Isole Ionie, Cicladi, Dodecaneso, Sporadi, Saroniche, Egeo orientale ed Egeo settentrionale e le due grandi isole Creta ed Eubea. In particolare, le isole Saroniche vivono del loro ritmo lento e sono perfette per il totale relax. Le Cicladi sono scelte per la sua movida serale e mattinate a crogiolarsi al sole. Creta resta la preferita dai viaggiatori alla ricerca di un mix ideale tra cittadina e vita da spiaggia. Le isole Ioniche sono il vero vanto per le sue spiagge dalla rara bellezza. Il Dodecaneso è prediletto da chi vuole mixare relax e comodità all'insegna della bella vita.

Atene - La capitale greca, a chi la sceglie quale luogo turistico, offre molto oltre alla sua classicissima “Acropoli” intorno cui si è sviluppata una città di ben 4 milioni di residenti sui 6 totali di tutta la Grecia. Una city multiculturale e multirazziale ricca di emblemi monumentali istituzionali, e molto da raccontare. Centrale, è l’onnipresente visione del Partenone che svetta dalla cima dell’acropoli e su cui si erge quale “faro” dell’affascinante storia greca, ma poi tocca visitare l'Agorà ai piedi dell'Acropoli, cuore politico, amministrativo e sociale di Atene nel corso di tutta l’antichità. Piazza Syntagma (Piazza della Costituzione) è il cuore di Atene moderna, con il Palazzo del Parlamento e la tomba del Milite Ignoto, costantemente vigilata dagli Evzones, le guardie greche che ogni giorno danno luogo allo spettacolare cambio della guardia. La Plaka storica zona ateniese e sede della movida con bar, ristoranti, taverne, negozi vari e ritrovo dei giovani. Monastiraki è poi il quartiere dove si trova l’anima popolare di Atene con il famoso mercato delle pulci e le due cattedrali della capitale. E per combattere caldo e afa ci sono le spiagge Nea Falirou in città e Alimos a pochi chilometri dal centro.

 
Creta, un'isola dai tanti paesaggi e dai molteplici contrasti, vestigia monumentali minoiche, chiese bizantine, fortezze veneziane, mare e monti, profumi unici nell'aria. Creta è la più grande delle isole greche e la regione più meridionale dell'Europa. La mitologia è di casa a Creta perché Zeus, il padre degli dei, venne partorito segretamente da Rea proprio a Creta, di nascosto dal padre Crono che avrebbe ucciso il bambino temendo di venir detronizzato. Zeus generò tre figli, uno dei quali Minosse è famoso per il labirinto nel quale rinchiuse il Minotauro. Creata è un'isola abbastanza grande da ospitare tre aeroporti: a Iraklion (Candia), Chania (La Canea) e Sitia tutti raggiungibili da scali italiani ed europei. I trgahetti, invece, giungono tutti via Atene e ci impiegano circa 9 ore. Per poterla visitare in modo appropriato, ci voglio circa 5 giorni.
Corfù è una delle maggiori isole greche che vanta un turismo di massa soprattutto per la sua estrema vicinanza alle coste italiane. Da Brindisi, Bari e Ancona, approdano i traghetti che sbarcano frotte di italiani e non solo, desiderosi di immergersi nelle incontaminate acque dell’isola che fu dimora di Ulisse nel poema “l’odissea”. Il capoluogo cittadino Kerkyra è delizioso per il suo passato e da cui partono tutte le leggende che avvolgono l’isola ionica. Per i turisti, più interessati alla vita sociale e alle bellezze paesaggistiche, Corfù offre notevoli attrazioni su qualsiasi versante dell’affascinante costa rocciosa. Dopo Kerkira, vero centro di aggregazione per chiunque cerchi divertimento, non si può non citare Paleokastritsa sulla costa ovest che offre un ottimo livello di servizi unitamente ad eccellenti paesaggi marini.
 
 
 
 
 
Olimpia è lo storico sito dove sono nate le olimpiadi e da dove ogni quattro anni parte la torcia che simboleggia l’unione sportiva dei popoli. Collocata lungo le coste ioniche della Grecia continentale, la caratteristica cittadina offre un buon riparo ai naviganti che si avventurano nelle sue acque tranquille prima di spiccare il salto verso uno dei circa seimila possedimenti che compongono la parte isolana del paese. Di queste, però, solo 200 sono abitate e vanno da grandi isole come Creta, Rodi, Corfù a piccoli isolotti scelti quali mete di rifugio da europei, e non solo, in cerca di particolare isolamento.
 
Santorini nasce quale vulcano marino che poi, dopo le sue numerose trasformazioni, oggi ritroviamo quale “caldera” di quello che il mare non ha reinghiottito. Un grande “catino” naturale delimitato da un bordo roccioso che sulla parte più alta ha visto svilupparsi alcuni paesini resi caratteristici dall’architettura semplice, ma coloratissima bianco-azzurra. Tra questi, due in particolare, Fira e Oia, restano i veri punti di riferimento per il milione di turisti che annualmente, attraverso l’aeroporto e gli attracchi navali, giungono su questa mitica isola. Dopo l’aeroporto, quindi, unica porta di accesso rimane quella sfruttata da chi arriva nella bellissima “caldera-baia” per ormeggiare e apprestarsi a visitare questi luoghi incantati. Al sovrastante paese di “Fira” si accede sia attraverso una funivia sempre affollata di turisti, sia da una lunghissima scalinata trabordante di muli (unico mezzo di locomozione e trasporto) e dei loro fetidi escrementi che impestano l’aria e creano vere difficoltà a chi non è molto accorto nella salita e/o nella discesa. Ma le difficoltà sono poi ripagate da scenari incredibili che è difficilissimo ritrovare altrove. A dieci minuti da Fira si trova “Oia” vero gioiello che vale la pena percorrere in tutte la sua dimensione arrivando fino alla scogliera finale del promontorio che la ospita.
 
Mykonos, che tutti collegano a ideale Ibiza della Grecia, è una spettacolare isola che accoglie il fior fiore della gioventù e non solo dell’area mediterranea. Costellata di bellezze naturali, è da sempre un rinomatissimo sito di divertimento e vacanza senza confini. La sua storia recente nasce con lo sviluppo delle tante aree costiere adibite da sempre alla pesca dei poveri abitanti di quei luoghi. Le magnifiche testimonianze del passato, valorizzate anche grazie all’oculata politica greca, sono oggi i simboli più amati da chi vive questi luoghi sia occasionalmente che residenzialmente. Mulini a vento, vecchie case di pescatori, antiche barche si ritrovano ovunque a emblematizzare un passato che tutti rispettano e nessuno vuole dimenticare. Il risultato agli occhi delle centinaia di migliaia di turisti annui è una cittadina caratterizzata da stretti vicoli e stradine strapiene di negozi di souvenir, gioielli e vestiario estivo proposto in versione “Positano”. Il tutto in una accecante architettura bianco-blu che enfatizza la riconosciuta e universale bellezza di questi luoghi. Inoltre, la presenza di tante discoteche, trattorie, pub, bar e ristoranti rende sempre dinamica la vita dei frequentatori di Mikonos che, specie nelle ore notturne, si amplifica a dismisura.

Passaporto/carta d’identità valida per l’espatrio. E’ necessario viaggiare con uno dei due documenti in corso di validità. Il Paese fa parte dell’UE ed aderisce all’accordo di Schengen. Qualora in possesso di una carta d’identità valida per l’espatrio rinnovata, si prega di consultare l’Approfondimento Prima di partire – documenti per viaggi all’estero. Per le eventuali modifiche relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata o il Consolato della Grecia presente in Italia o presso il proprio Agente di viaggio. Si consiglia di portare con sé copia dei propri documenti e titoli di viaggio e di custodire gli originali in luoghi sicuri.

Ambasciata d'Italia - Odos Sekeri, 2 - 106 74 Athens - Tel: 0030/210/36.17.260 - 36.17.263 - 36.17.273/4 - Fax: 0030/210/36.17.330 - E-mail: ambasciata.atene@esteri.it - homepage: www.ambatene.esteri.it - twitter:@ItalyinGreece - Cancelleria Consolare dell’ambasciata d’italia in Atene: Odos Patriarchou Ioakim, (Kolonaki) , 38 – 3° piano. 10675 Atene - e-mail: cancelleria.atene@esteri.it - Prefisso telefonico: 0030 - Telefoni Sede: 0030 2109538 180/190/191/196/197 - Fax Sede: 0030 2109531 523 - Cellulari reperibilità: 00306932204060 (attivo nelle ore di chiusura degli uffici solo per emergenze).

Il Clima - La meravigliosa terra greca comprende circa 6mila isole e isolotti sparsi tra Mar Egeo e Mar Ionio, di cui solo 227 abitate stabilmente. Un dato che complica non poco la visita nel suo insieme geografico e turistico. Il consiglio resta quindi scegliere una parte di territorio e dividersi nella sua visita durante il proprio tempo disponibile e semmai programmare viaggi successivi in altre zone. Il clima ellenico è classicamente mediterraneo con inverni miti ed estati lunghissime e molto calde, seppure spesso ventilate. Il periodo migliore per visitare la Grecia resta da aprile a novembre, con i mesi estivi di giugno, luglio e agosto molto assolati e caldi, ma spesso ventilati e quindi ben sopportabili. L’inverno è mite anche se piovoso e in questo periodo molte strutture sono chiuse ai servizi turistici. La primavera e autunno sono invece ideali per visitare senza rinunciare a giornate in spiaggia, grazie alle scarse affluenze del turismo di massa.

Riproduzione non consentita ©


Consigli di viaggio
Reportage
Viaggi News iscriviti su Fb
Miami Beach News
Dubai City News