Italia News Partner
Latest news from Italy and the world




Author
Graziana Ingrosso
Il "Premio Strega" ha ufficializzato i 12 finalisti della prestigiosa kermesse letteraria
Il percorso di questa 73esima edizione internazionale illustrato da "La Biblioteca della Gra"

ROMA (Italy) - La LXXIII edizione del Premio Strega, promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e da Liquore Strega, ha preso il via con l'annuncio della selezione dei dodici candidati. I libri candidati saranno votati da una giuria composta dai 400 Amici della domenica, da 200 votanti all'estero selezionati da 20 Istituti italiani di cultura, da 40 lettori forti selezionati da 20 librerie associate all'Ali, e da 20 voti collettivi di biblioteche, università e circoli di lettura. La prima presentazione dei libri in concorso si terrà come di consueto a Benevento, la città del Liquore Strega, il 12 aprile mentre la prima votazione, che selezionerà la cinquina dei finalisti, avrà luogo il 12 giugno nel Tempio di Adriano a Roma. Ecco le recensioni dei dodici libri finalisti, curate dal "Blog letterario" di Graziana Ingrosso.

Fin dal 1947 l’Italia aspetta ogni anno impaziente il vincitore del più famoso riconoscimento letterario, il Premio Strega. Fu istituito a Roma da Maria Bellonci e da Guido Alberti, proprietario della casa produttrice del Liquore Strega, dal quale prende il nome. Oggi è gestito dall’omonima Fondazione Bellonci. I libri che concorrono alla gara sono segnalati dagli “amici della domenica”, che è il gruppo che ha fatto la storia del premio. Vi fanno parte quattrocento persone appartenenti a vario titolo al mondo della cultura italiana. Ognuno di essi può candidare un libro pubblicato in Italia in quell’anno. Quest’anno i titoli segnalati sono stati cinquantasette. È spettato poi al Comitato del Premio scegliere i 12 titoli finalisti. Il 12 giugno verranno ridotti a 5 e finalmente il 4 luglio si avrà il vincitore.

Il regolamento prevede altre due giurie
. La giuria dei lettori, segnalati dalle librerie associate all’ALI (Associazione Librai Italiani); quest’anno esprimeranno il loro voto anche 20 collettivi espressi da scuole, università e 15 circoli di lettura presso le Biblioteche di Roma, oltre a 200 voti espressi da studiosi, traduttori e intellettuali italiani e stranieri selezionati da 20 Istituti italiani di cultura all’estero. Dal 2009 anche la Società Dante Alighieri esprime uno dei voti collettivi che contribuiscono all’elezione della cinquina e del vincitore. Il numero dei votanti raggiunge per questa edizione un totale di 660 aventi diritto. Ecco i dodici finalisti.

Valerio Aiolo – Nero ananas (Voland). Proposto da Luca Fomenton. Il romanzo racconta l’Italia negli anni che vanno dall’attentato a Milano a Piazza Fontana, il 12 dicembre 1969, fino alla strage alla Questura della stessa città il 17 maggio 1973. Anni che hanno inaugurato la stagione della strategia della tensione, tra i più incandescenti e drammatici della storia d'Italia. L’autore riesce a sposare la cronaca reale, la storia, con la narrazione che raccoglie tanti punti di vista.

Paola Cereda - Quella metà di noi (Giulio Perrone Editore). Proposto da Elisabetta Mondello. È un romanzo ambientato nella Torino dei nostri giorni. La protagonista è Matilda, una maestra in pensione che per ripagare un debito presta assistenza ad un anziano. Tutti e tutto la condizionano: le passate esperienze, i familiari, la situazione lavorativa. Lo spostarsi dalla periferia al centro di Torino, la nuova solitudine. Ogni rapporto ci trasforma, in una dimensione di reciprocità che, attraverso l’altro, ci permette di valutare quanto, alla fine, siamo disposti a cedere di quella metà di noi.

Benedetta Cibrario - Il rumore del mondo (Mondadori). Proposto da Giorgio Ficara. Il romanzo è ambientato nel Risorgimento piemontese. Anne Baccon, inglese, arriva a Torino dopo il matrimonio con Prospero Carando di Vignon. Inizia a prendersi cura dell’attività di famiglia nel campo della produzione della seta; diventa testimone dei grandi cambiamenti che di lì a poco il Piemonte avrebbe vissuto nel costume, morale, economia. Scopre così come conquistarsi un posto nella storia di un paese non ancora nato.

Mauro Covacich - Di chi è questo cuore (La nave di Teseo). Proposto da Loredana Lipperini. La scoperta da parte dell’io narrante di una lieve anomalia cardiaca che gli impedisce di continuare la sua attività sportiva diventata ossessiva è il punto di svolta di questo romanzo. Inizia così la riscoperta del mondo degli affetti, a prestare ascolto alle piccole e grandi indifferenze del nostro presente. È uno sguardo che si rivolge ai molti ultimi delle città e che insieme guarda alla mutazione che il tempo impone ai corpi e allo stare nel mondo.

Claudia Durastanti - La straniera (La nave di Teseo) Proposto da Furio Colombo. Racconta e ripercorre la storia dell’autrice e le sue origini. Figlia di due genitori sordi, emigrata da un paesino lucano a New York ancora bambina per farvi ritorno periodicamente. Nonostante ciò riesce a mettere radici forti ovunque; non è infatti una raccolta di memorie, ma il costruire ovunque qualcosa di nuovo. Tra le pagine si ci interroga sul sentirsi sempre degli stranieri.

Pier Paolo Giannubilo - Il risolutore (Rizzoli): Proposto da Ferruccio Parazzoli. L’autore ci racconta la storia di Gian Ruggero Manzoni, pronipote di Alessandro; un uomo qualunque con un cognome fatale che ha saputo fare di sé una leggenda: del bambino bullizzato dai coetanei, alla militanza nella Bologna del ’77, segnata dall’amicizia con Tondelli e Pazienza, al reclutamento nei Servizi, dalle missioni under cover in Libano a quelle nei Balcani in fiamme, passando per ingaggi da killer. Ruggero firma ogni suo gesto con l’inchiostro dell’eccesso, disposto a tutto pur di restare umano. Giannubilo ci racconta ciò che dell'altro gli fa più paura come se si stesse guardando allo specchio.

Marina Mander - L’età straniera (Marsilio) Proposto da Benedetta Tobagi. Leo è un adolescente. Sua madre è assistente sociale e suo padre, matematico, si è suicidato nel mare. Odia tutte le cose fino a quando nella sua vita non arriva Florin, un ragazzino rumeno che non studia, non ha una casa e si prostituisce. La madre di Leo decide di ospitarlo, sistemandolo nella camera del figlio. Florin mette a nudo le ipocrisie del mondo adulto, grazie a lui Leo cambia. Si sblocca. Questo romanzo regala uno sguardo diverso su come sia possibile incontrarsi con ogni tipo di “straniero”, forse soprattutto con quello nascosto dentro di noi.

Eleonora Marangoni – Lux (Neri Pozza) Proposto da Sandra Petrignani. Thomas Edwards è un giovane italoinglese di buona famiglia. Nonostante abbia una relazione stabile con una donna, è ancora ossessionato da un amore finito ormai da tempo. Una imprevedibile occasione di cambiamento si presenta grazie ad una eredità lasciatagli da uno zio che lo porta a trasferirsi in un’isola nel sud Italia. Sarà il momento giusto per cambiare il modo di guardare le cose e fare finalmente i conti con il passato.

Cristina Marconi - Città irreale (Ponte alle Grazie) Proposto da Masolino D’Amico. Nel 2008 Alina, ventiseienne, lascia Roma e si trasferisce a Londra. Riesce a trovare un buon lavoro e inizia a farsi strada in quel mondo che lei stessa aveva scelto e fortemente voluto. La sua nuova vita inizia a prendere una strada diversa quando incontra un medico inglese, Iain, del quale si innamora; ma ha non pochi segreti, legati alla stessa Italia, che non racconta ad Alina.

Marco Missiroli – Fedeltà (Einaudi) Proposto da Sandro Veronesi. Tutto inizia con un malinteso: Carlo, professore, viene visto uscire dal bagno con una studentessa, Sofia. Entrambi sostengono non sia successo nulla. Lui è felicemente sposato con Margherita. Ma quel presunto tradimento per lui si trasforma in un'ossessione, e diventa un alibi potente per le fantasie di sua moglie. Riemergono frustrazioni personali e lavorative che si era cercato di insabbiare. L'interrogativo di questa storia: se siamo fedeli a noi stessi quanto siamo infedeli agli altri?

Antonio Scurati - M. Il figlio del secolo (Bompiani) Proposto da Francesco Piccolo. Racconta la nascita del fascismo in Italia, non tralasciando nessun dettaglio decisivo alla comprensione della nostra Storia, attenendosi ai fatti documentati, raccontando solo la verità. Soffermandosi sull’indifferenza e la superficialità di un intero popolo, quello italiano, che non ha fatto nulla per impedire tutto quello che da lì in poi sarebbe successo.

Nadia Terranova - Addio fantasmi (Einaudi) Proposto da Pierluigi Battista. Ida è appena tornata a Messina, la sua città natale; la madre l'ha richiamata in vista della ristrutturazione dell'appartamento di famiglia. Una volta a casa è costretta a fare i conti con il trauma che l'ha segnata quando era solo una ragazzina. Ventitré anni prima suo padre è scomparso in circostanze misteriose. Questa mancanza ha influenzato tutti i suoi rapporti con la madre e con lo stesso marito, rendendola sospettosa e insicura. Ma ora che la casa d'infanzia la assedia con i suoi fantasmi, lei deve trovare un modo per spezzare il sortilegio e far uscire il padre di scena.


Emirates Fly from Italy

Puglia: natura, cultura e gastronomia

Viaggi - Esperienze e Consigli per girare il mondo

Miami Beach News by Italia News

Info e consigli del Ministero degli Esteri italiano
Istituzioni & Sicurezza italiana


Riproduzione non consentita ©

Consigli di viaggio
Reportage
Iscriviti Viaggi News FB
Miami Beach News
Dubai City News