Italia News Partner
Latest news from Italy and the world




Redazione
"Razzismo in Italia", Onu invia team anche in Austria. La Farnesina replica: abbiamo accolto 700mila immigrati senza l'aiuto di nessuno e quindi non accettiamo lezioni da nessuno! L'Alto commissario Onu per i diritti umani,
la socialista Michelle Bachelet ex presidente del Cile, accusa l'Italia di Razzismo contro migranti e rom.

ROMA (Italy) - Dopo le pesanti accuse mosse dall'ex presidente socialista del Cile Michelle Bachelet e vera apprezzatrice delle politiche cubane - definì Fidel Castro "un leader per la dignità e la giustizia sociale a Cuba e in America Latina", è scoppiato un vero caso diplomatico che contrappone le Nazioni Unite alle istituzioni dello Stato italiano che ribadiscono: "L'Italia negli ultimi anni ha accolto 700mila immigrati, molti dei quali clandestini, e non ha mai ricevuto collaborazione dagli altri paesi europei. L'Italia ritiene inappropriate, infondate e ingiuste le dichiarazioni odierne dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, relative a presunte inadempienze italiane in materia di rispetto dei diritti umani dei migranti". (Foto di repertorio)

L'Onu intende inviare personale in Italia, per valutare il rilevante aumento segnalato di atti di violenza e razzismo nei confronti di migranti, individui di origine africana e rom. Lo ha affermato Michelle Bachelet, nuovo Alto commissario Onu per i diritti umani, nel discorso con cui ha aperto i lavori del Consiglio Onu per i diritti umani.

"La priorità del ritorno dei migranti dall'Europa, senza garantire che i principali obblighi internazionali in materia di diritti umani siano rispettati, non può essere considerata una risposta di protezione", ha affermato. Per questo, "l'Ufficio prevede di inviare un team in Austria per valutare i recenti sviluppi in questo ambito. Intendiamo inoltre inviare personale in Italia, per valutare il rilevante aumento segnalato di atti di violenza e razzismo contro migranti, individui di origine africana e rom".

La replica del ministro Salvini - "L'Italia negli ultimi anni ha accolto 700mila immigrati, molti dei quali clandestini, e non ha mai ricevuto collaborazione dagli altri paesi europei. Quindi non accettiamo lezioni da nessuno, tantomeno dall'Onu che si conferma prevenuta, inutilmente costosa e disinformata: le forze dell'ordine smentiscono ci sia un allarme razzismo"."Prima di fare verifiche sull'Italia, l'Onu indaghi sui propri stati membri che ignorano diritti elementari come la libertà e la parità tra uomo e donna".

"Non è vero che gli italiani sono razzisti, sono stufi". E' quanto sostiene un lavoratore di colore in un video postato su Facebook dal ministro dell'Interno Matteo Salvini che, a sua detta, "vale più di mille articoli di giornale!". "Alla faccia di Onu e buonisti...", scrive il vicepremier leghista, invitando i suoi followers a condividere il filmato social. "Sono qui da 15 anni e ho sempre lavorato", racconta il lavoratore, "tutti mi conoscono, sanno chi sono, perché il mio lavoro l'ho sempre preso sul serio", ribadisce. Poi l'affondo contro i migranti: "Bisogna lavorare, non c'è niente da fare, se non vuoi lavorare torna a casa, da dove sei venuto". Secondo l'operaio gli "italiani non sono razzisti, anzi, sono molto accoglienti" e "Salvini ha ragione". "Speriamo che vada fino in fondo", conclude, "Vai avanti Salvini".

L' Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani è l'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di promuovere e proteggere i diritti umani che sono garantiti dal diritto internazionale e previsti nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948. L'ufficio è presieduto dal Commissario per i diritti umani, che coordina le attività dei diritti umani in tutto il sistema delle Nazioni Unite e supervisiona il Consiglio dei diritti umani a Ginevra in Svizzera.

L’Alto commissario per i Diritti Umani dell’ONU, Veronica Michelle Bachelet, Figlia di Alberto, Brigadiere Generale dell’aviazione e Viceministro del governo di Salvador Allende. Durante il colpo di stato del 1975 trovò rifugio nella Germania est, dove studiò pediatria. Tornata in Cile nel 1979 portò avanti il suo impegno con il partito socialista che la portò prima a diventare Ministro della Difesa e poi della Sanità, e infine, per due mandati, la prima donna Presidente della Repubblica.


Da Milano a New York con Emirates

Viaggi - Esperienze e Consigli per girare il mondo

Miami Beach News by Italia News
Istituzioni & Sicurezza italiana

Riproduzione non consentita ©