Italia News Partner
Latest news from Italy and the world



Redazione
L'Ungheria conferma la fedeltà al leader e premier Orban che stravince per il terzo mandato
Si rinforzano i paesi che conquistano sempre più consensi in favore del nazionalismo e contro la UE

ROMA (Italy) - Viktor Orbàn stravince le elezioni in Ungheria conquistando il terzo mandato. Con quasi la totalità delle schede scrutinate, Fidesz, il partito del primo ministro ungherese anti-immigrati, ha ottenuto 133 dei 199 seggi, percentuale che, se confermata, gli darebbe anche la super maggioranza dei due terzi necessaria per modificare la Costituzione e approvare le leggi costituzionali. Orbàn, 54 anni, è stato alla guida del Paese dal 1998 fino al 2002 ed è tornato al potere nel 2010. Orbàn ha condotto una feroce opposizione all'immigrazione ed è stato protagonista di frequenti scontri con l'Unione europea a proposito dei nazionalismi che stanno continuando a sedurre una parte della popolazione di diversi Paesi del Vecchio Continente.

Orbán ce l'ha fatta ancora una volta conquistando il terzo mandato dopo le vittorie elettorali del 2010 e 2014 e potrà ora continuare nella sua politica di no all'immigrazione e sviluppando il nazionalismo ungherese che per anni è stato represso dalla criminale invasione comunista della Russia.

Il risultato di ieri, ottenuto grazie a una forte mobilitazione che aveva fatto sperare l'opposizione e invece di è rivelata pro-Orban, dà buone chance al premier di conservare in parlamento la super-maggioranza dei due terzi, già ottenuta nel 2010 e nel 2014. Ovvero almeno 133 seggi sui 199 che compongono l'assemblea monocamerale, soglia necessaria per le modifiche costituzionali. Felicitazioni del premier polacco Mateusz Morawiecki, dai leader dell'estrema destra francese Marine Ler Pen e olandese Geert Wilders. Dall'Italia, commenti compiaciuti di Salvini e Giorgia Meloni.

"Abbiamo vinto, ci siamo dati l'opportunità di un cambiamento per proteggere l'Ungheria", ha detto Orban festeggiando, con una folla di sostenitori a Budapest la vittoria. Il partito di estrema destra, Jobbik, che ha tentato di trasformarsi in una forza centrista anti-corruzione ha ottenuto appena 26 seggi, pur arrivando secondo.

Pesante la sconfitta per le opposizioni liberal, che si sono presentate divise, permettendo così la netta affermazione di Fidesz, avvantaggiato dal premio di maggioranza. "Dal tempo del cambiamento di sistema nel 1989 il Paese non ha mai visto una campagna così piena di bugie", ha detto Antal Csardi, candidato di un partito di opposizione che ha vinto un seggio a Budapest, dove la sinistra ha ottenuto più sostegno.

I dati elettorali sono arrivati in ritardo per via del fatto che l'affluenza è stata record e i seggi sono rimasti aperti oltre la chiusura programmata per permettere agli elettori di votare. Per oggi è atteso il rapporto dell'Osce sulle elezioni nel Paese.

Orbàn, 54 anni, è stato alla guida del Paese dal 1998 fino al 2002 ed è tornato al potere nel 2010. I critici in Ungheria e nell'Unione europea lo accusano di un sistematico smantellamento delle istituzioni democratiche e di corruzione. Orbàn ha condotto una feroce opposizione all'immigrazione ed è stato protagonista di frequenti scontri con l'Unione europea.


Da Milano a New York con Emirates

Viaggi & Turismo - Esperienze e Consigli per girare il mondo

Puglia: natura, cultura e gastronomia
Istituzioni & Sicurezza italiana

Riproduzione non consentita ©