www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Otto marzo, la giornata internazionale della donna punta il dito contro femminicidi e discriminazioni
La giornata contraddistinta dal: “A Day Without a Woman”, ovvero “Un giorno senza donne”

ROMA (Italy) - Oggi denominata Festa Internazionale della Donna, inizialmente questa giornata veniva festeggiata dai vari paesi in giorni diversi, senza che ci fosse una convenzione comune. Le sue origini non smettono di generare confusione e ci sono le opinioni più diverse in merito: ecco come è nata e cosa si prospetta per il suo anniversario. L'otto marzo sarà celebrato in tutta italia ed in altri 30 paesi, anche attraverso una sorta di sciopero generale delle donne che si asterranno dal lavoro per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'attuale condizione femminile.


L’idea di scegliere l’8 marzo come data comune risale solo al 1917, ispirandosi al giorno in cui ebbe luogo una marcia di sole donne per le strade di San Pietroburgo per chiedere la fine degli scontri. La diffusione di questa celebrazione a livello internazionale risale, invece, al 1975, quando le Nazioni Unite la scelsero come strumento per portare avanti la propria lotta contro le discriminazioni di genere. Le origini di questa festa sono quindi da ricercare nel mondo socialista e nel contesto della rivoluzione russa; tuttavia, negli anni c’è stata grande confusione con l’incendio del marzo 1911 che costò la vita agli impiegati di una fabbrica di New York, soprattutto donne immigrate dall’Europa. Quest’anno, in onore del 100° anniversario della Giornata Internazionale della Donna (conteggiata proprio dal 1917, in cui venne stabilita la data ancora oggi ufficiale), è stata organizzata una marcia dallo slogan “A Day Without a Woman”, ovvero “Un giorno senza donne”, una sorta di sciopero generale per sensibilizzare ulteriormente l’opinione pubblica sulla condizione femminile.

In molti paesi mondo e anche in Italia per l'8 marzo 2017 si organizza lo sciopero delle donne per rifiutare la violenza di genere in tutte le sue forme: oppressione, sfruttamento, sessismo, razzismo, omo e transfobia. Cortei, assemblee, manifestazioni creative per porre al centro ancora una volta la trasformazione radicale della società. ''Se le nostre vite non valgono, scioperiamo'' dicono le femministe che chiamano all'adesione dell'8 marzo dopo aver partecipato a Bologna il 4 e 5 febbraio alle assemblee di preparazione. Tanti i motivi per farlo tra cui la rivendicazione dell'applicazione della legge sull'aborto, per rendere la scuola pubblica un nodo cruciale per prevenire e contrastare la violenza maschile contro le donne e tutte le forme di violenza di genere.

Nonostante venga considerata una festa ormai commerciale - ad esempio legata alla vendita di mimosa, il fiore simbolo di questa festa in Italia -, la Giornata Internazionale della Donna continua ancora oggi a ricoprire un ruolo fondamentale nella lotta per migliorare le condizioni spesso difficili che affrontano le donne di tutto il mondo. L’invito per la marcia di quest’anno è di vestirsi di rosso anziché di viola, il tradizionale colore associato alla Giornata Internazionale della Donna che ne sottolinea lo stretto legame con i movimenti delle suffragette di inizio Novecento.

Otto marzo: giornata per commemorare i diritti conquistati e violati. Oggi nascere donna in un paese Occidentale non pone preoccupazioni, ma nascere in un paese Orientale fortemente influenzato dalla religione, significa essere discriminate, umiliate, sottoposte a limitazioni. In alcune regioni, infatti, la donna viene considerata solo e soltanto come strumento per la riproduzione, fine a se stesso, senza possibilità di rivendicare i propri diritti. In aggiunta, non possono sentirsi libere di svolgere semplici azioni della vita quotidiana, come indossare ciò che vogliono, andare in bici oppure proseguire gli studi, viaggiare, chattare e navigare in rete, non possono guidare o scegliere liberamente il compagno della propria vita...

Riproduzione non consentita ©


Emirates migliore linea aerea del mondo. L'annuncio da Skytrax World Airline Awards 2016. Questa è la quarta volta che Emirates vince il miglior riconoscimento da quando i premi sono stati introdotti 15 anni fa; la compagnia ha vinto il primo riconoscimento Skytrax come Migliore compagnia al mondo nel 2001, ancora nel 2002 e nel 2013. In totale, Emirates ha vinto un totale di 20 premi Skytrax World Airline dal 2001. (Continua...)