www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Omicidio Sarah Scazzi, sentenza definitiva di "carcere a vita" per Cosima e Sabrina
La Cassazione ha spedito in carcere per otto anni anche Michele Misseri

ROMA (Italy) - Sono stati confermati gli ergastoli per Cosima Serrano e Sabrina Misseri, madre e figlia, condannate in Corte di Assise e in Appello per l'omicidio della 15enne Sarah Scazzi, rispettivamente nipote e cugina delle due imputate, strangolata il 26 agosto del 2010 ad Avetrana in provincia di Taranto. Lo ha stabilito la prima sezione penale della Cassazione. Anche per Michele Misseri, lo zio di Sarah Scazzi, la Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 8 anni per concorso in soppressione di cadavere. Da 7 anni tiene banco la vicenda umana e giudiziaria, ecco le tappe principali dell'inchiesta e del processo.


''Secondo me è una sentenza giusta, netta ed equilibrata, fatta sulla base di prove certe e di un lavoro che non è durato un mese o un anno ma tanti anni, da parte di persone fortemente motivate che hanno fatto una cosa eccezionale", ha commentato Claudio Scazzi, fratello di Sarah. Insieme a lui a Roma, ad attendere il pronunciamento, c'era anche il padre Giacomo. ''Secondo me tutto il Paese - ha aggiunto - deve ringraziare le persone che hanno lavorato a questo caso che hanno dimostrato che in Italia la giustizia c'è, magari non sempre, ma ogni tanto c'è". Claudio Scazzi ha confermato che la madre, Concetta Serrano Spagnolo, che si trova ad Avetrana, è stata informata della sentenza. "Anche lei si è sempre affidata alla Procura - ha detto - e siamo stati sempre fiduciosi nel loro lavoro. In Italia ci sono persone che lavorano con coscienza e poi i risultati arrivano. Sarah ha ricevuto giustizia''.

Da 7 anni tiene banco la vicenda umana e giudiziaria per l'uccisione di Sarah Scazzi. Ecco le tappe principali dell'inchiesta e del processo per l'uccisione di Sarah Scazzi.

26 agosto 2010. Sarah Scazzi esce da casa ad Avetrana (Taranto) per recarsi al mare con la cugina Sabrina Misseri. Scompare nel nulla.
6 ottobre 2010. Michele Misseri confessa di aver ucciso Sarah, strangolandola, e fa ritrovare i resti del corpo in un pozzo nelle campagne di Avetrana.
15 ottobre 2010. Michele Misseri chiama in correità nel delitto la figlia Sabrina, che finisce in cella.
5 novembre 2010. Michele Misseri accusa la figlia Sabrina di aver ucciso Sarah.
19 novembre 2010. Nell'incidente probatorio Michele Misseri conferma le accuse del 5 novembre nei confronti della figlia.
Dicembre 2010. Michele Misseri comincia a scrivere lettere, sostenendo che ha fatto tutto lui, dal delitto alla soppressione del cadavere.
23 febbraio 2011. I carabinieri arrestano Carmine Misseri e Cosimo Cosma, fratello e nipote di Michele Misseri, per concorso in soppressione di cadavere.
10 marzo 2011. Il Tribunale del Riesame scarcera Carmine Misseri e Cosimo Cosma.
26 maggio 2011. Viene arrestata Cosima Serrano, moglie di Michele Misseri e madre di Sabrina. È accusata di concorso in omicidio e sequestro di persona. Analogo provvedimento viene notificato a Sabrina in carcere.
30 maggio 2011. Michele Misseri viene scarcerato. Ora è accusato solo di soppressione di cadavere. 1 luglio 2011. La Procura chiude le indagini preliminari.
29 agosto 2011. Dinanzi al gup comincia l'udienza preliminare, che si chiuderà con nove rinvii a giudizio, tre assoluzioni e un proscioglimento.
10 gennaio 2012. Comincia il processo dinanzi alla Corte di Assise di Taranto.
17 luglio 2012. Cosima Serrano e la figlia Sabrina Misseri, citate dall'accusa, si avvalgono della facoltà di non rispondere. Stessa cosa fanno Carmine Misseri e Cosimo Cosma.
29 ottobre 2012. Michele Misseri, citato dall'accusa, non risponde alle domande. 20 novembre. Cosima Serrano, citata alla difesa, non risponde.
20 novembre. "Reputavo Sarah una sorella minore, non una cugina, e la trattavo di conseguenza. Qualche rimprovero sì, ma non litigi": lo dichiara Sabrina Misseri durante l'esame della difesa.
5 dicembre. "Ho ucciso io Sarah, questo rimorso non lo posso più portare dentro di me". Lo dichiara Michele Misseri e il suo difensore, Armando Amendolito, rimette il mandato. Viene sostituito di ufficio dall'avv. Luca Latanza.
20 aprile. Il tribunale di Taranto ritiene Mamma Cosima e Figlia Sabrina colpevoli e le condanna all'ergastolo.


Riproduzione non consentita ©


Emirates migliore linea aerea del mondo. L'annuncio da Skytrax World Airline Awards 2016. Questa è la quarta volta che Emirates vince il miglior riconoscimento da quando i premi sono stati introdotti 15 anni fa; la compagnia ha vinto il primo riconoscimento Skytrax come Migliore compagnia al mondo nel 2001, ancora nel 2002 e nel 2013. In totale, Emirates ha vinto un totale di 20 premi Skytrax World Airline dal 2001. (Continua...)