www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Incidente stradale in Spagna, morti 13 studenti, sette sono italiane
Il progetto Erasmus le aveva portate a Barcellona

ROMA (Italy) - Tredici studentesse, di cui 7 italiane, sono morte nell'incidente avvenuto ieri su una strada vicino a Tarragona . Questa, a quanto si apprende, la lista dei nomi: Francesca Bonello, Elisa Valent, Valentina Gallo, Elena Maestrini, Lucrezia Borghi, Serena Saracino, Elisa Scarascia Mugnozza.

A bordo dell'autobus viaggiavano 57 persone, scrive il quotidiano spagnolo El Mundo. Eccetto il conducente erano tutti studenti universitari del programma Erasmus, provenienti da 16 diversi paesi. Secondo i media spagnoli i ragazzi provenivano da Italia, Ungheria, Germania, Svezia, Norvegia, Svizzera, Repubblica Ceca, Nuova Zelanda, Gran Bretagna, Perù, Bulgaria, Polonia, Irlanda, Palestina, Giappone e Ucraina.


La prima studentessa italiana identificata tra le vittime si chiama Valentina Gallo: studiava Economia all'università di Firenze. Ai tragici numeri forniti dal ministro dell'interno catalano Jordi Jané si sono aggiunte Elena Maestrini, 21enne di Gavorrano, e Serena Saracino, torinese di 23 anni. La quarta vittima si chiamava Francesca Bonello, 24enne genovese che studiava Medicina all’Universitat de Barcelona. Le altre universitarie italiane che hanno perso la vita sono Elisa Valent - di Udine, studiava Lettere, era a Barcellona solo da 15 giorni - Lucrezia Borghi - di Greve in Chianti, Firenze - ed Elisa Scarascia Mugnozza.

C’è ovviamente grande ansia e grande angoscia per le famiglie, i parenti e gli amici delle ragazze. Le procedure per l'identificazione sono state molto complesse. Le giovani italiane erano in Spagna in Erasmus ed erano state a Valencia, dove avevano assistito alla Notte dei Fuochi della celebre Fiesta de Las Fallas.

L'incidente è avvenuto sul lungo rettilineo di una strada di Frejinols, vicino a Tarragona in Catalogna. Il mezzo, a bordo del quale viaggiavano una sessantina di studenti provenienti dall'Erasmus University di Barcellona, è finito sulla corsia in senso opposto di marcia andando contro a un'auto. Il pullman tornava a Barcellona dopo avere assistito a Valencia alla Notte dei Fuochi della Fiesta de Las Fallas.

L'autista del bus è indagato per 'omicidio per imprudenza, secondo quanto si legge sul sito di 'lavanguardia'. L'uomo potrebbe essere stato colto da un colpo di sonno e quindi aver perso il controllo del mezzo, hanno reso noto le autorità inquirenti. Come indicano chiaramente le impronte degli pneumatici sulla strada, il pullman ha sterzato a destra e poi bruscamente a sinistra. La procura della Catalogna ha confermato che l'autista, che fa questo lavoro da 30 anni, 17 dei quali al servizio della Autocarres Alesandro, è risultato negativo ai test per alcol e stupefacenti effettuati subito dopo l'incidente. L'autobus che viaggiava solo da tre anni era in regola con tutti i requisiti tecnici. Un primo interrogatorio dell'autista è stato effettuato nel pomeriggio di ieri.

L'Erasmus (ora compreso nel più ampio Erasmus plus) è un progetto dell'Unione Europea che permette agli studenti iscritti alle università europee di studiare in università di altri Paesi compresi nell'UE o a essa associati per un periodo che va dai 3 ai 12 mesi. Questa possibilità è data agli studenti delle lauree triennali e magistrali, ai laureandi che devono conseguire un tirocinio e a chi, già laureato, vuole effettuare all'estero il dottorato. Per tutti gli studenti è richiesta l'iscrizione all'universitá di provenienza per tutto l'anno che include il periodo dell'Erasmus ed è necessario non aver già utilizzato il numero massimo di mesi di mobilità previsto. Lo studente deve inoltre mantenere detta iscrizione fino alla fine dell'Erasmus ed essere in regola, al momento dell'iscrizione al progetto, con il pagamento delle tasse universitarie. Esistono inoltre requisiti legati alla lingua del paese in cui si andrà a fare l'Erasmus e questi cambiano in base alle richieste della singola università: sarà quindi necessario fornire le certificazioni richieste che attestino il livello di conoscenza della lingua.


Riproduzione non consentita ©

Emirates si espande e con Panama City offrirà il volo no-stop più lungo della storia aerea: 17 ore e mezza. Il colosso aereo medio orientale aggiunge nuove destinazioni al suo già ricchissimo "global router". (Continua...)