www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Foibe jugoslave: la Shoah degli italiani. Le belve di Tito massacrarono gli italiani che scappavano
Le celebrazioni del "Giorno del ricordo": 15mila inermi furono trucidati dai comunisti slavi

ROMA (Italy) - Esodo dalle terre istrane e dalmate e foibe sono stati i drammi che hanno contraddistinto le vicende storiche e umane negli anni dal 1943 al 1954 al confine Orientale d'Italia, che ancora sanguinano. E oggi, Giornata del Ricordo, istituita dal Parlamento nel 2004, in varie citta' d'Italia si stanno rivivendo quei drammi, ricordando, riflettendo e commemorando tutti i caduti. In tutte le manifestazioni un comune denominatore: spiegare alle giovani generazioni cosa furono quei drammi, perche' maturarono, perche' per tanti anni sono stati costretti all'oblio, affinche' 'il demone del male' non possa ritornare mai piu'. La tragica pratica venne poi utilizzata dalle truppe titine sul Carso triestino durante i 40 giorni di occupazione delle citta' di Trieste e Gorizia per disfarsi cosi' degli oppositori anticomunisti e dei patrioti italiani.


Per "massacri delle foibe" o, più comunemente, foibe si intendono gli eccidi perpetrati ai danni di migliaia di cittadini italiani per motivi etnici e politici alla fine e durante la seconda guerra mondiale in Venezia Giulia e Dalmazia. Tali eccidi furono per lo più compiuti dall'Armata popolare di liberazione della Iugoslavia. Negli eccidi furono coinvolti prevalentemente cittadini italiani di etnia italiana e in misura minore e con diverse motivazioni, anche cittadini italiani di nazionalità slovena e croata.

L'emblema dello sterminio è sicuramente la foiba di Basovizza, alle porte di Trieste. Si tratta, in questo caso, non di una cavità naturale ma del pozzo di una miniera di carbone che, scavata nella roccia agli inizi del '900, venne successivamente abbandonata. Profonda inizialmente 256 metri, si scavò poi fino alla quota di -700 metri. Ma nel 1939 alcune prospezioni geologiche rivelarono che, a causa del cedimento della cava, il fondo si era nuovamente alzato fino a -226 metri. E dentro quella fenditura profondissima trovarono la morte non meno di 2.500 persone nei soli 45 giorni dal 1° maggio al 15 giugno 1945; alla fine dell'anno il livello del fondo si era alzato a 198 metri: 500 metri cubi di cadaveri, successivamente ricoperti di munizioni e di detriti.

L'esodo - si calcola che circa 350 mila persone abbiano lasciato le coste istriane e dalmate per riparare chi in Italia chi all'estero - comincio' subito dopo la fine della guerra mondiale, ma ebbe il suo epilogo quando fu chiaro che l'ex zona B del territorio libero di Trieste sarebbe passato sotto il controllo jugoslavo. Centinaia di migliaia di persone dovettero abbandonare tutto. E proprio il tema del risarcimento, chiesto ora a Slovenia e Croazia, e la 'revoca' delle medaglie d'oro italiane a Tito e altri gerarchi comunisti sono oggi al centro delle polemiche di qualche associazione di istriani e dalmati che hanno contestato e disertato le manifestazioni ufficiali.

Sono iniziate in mattinata le celebrazioni per il Giorno del Ricordo, istituito per legge il 10 febbraio per mantenere viva la memoria della tragedia delle foibe e il dramma dell'esodo. La cerimonia centrale è quella che si è svolta questa mattina al Monumento nazionale della Foiba di Basovizza, aperta dallo schieramento dei labari, a cui è seguito l’alzabandiera a cura della Scuola militare Nunziatella e dell’Associazione nazionale Alpini-Sezione di Trieste Guido Corsi. L'evento, organizzato da Comune e Provincia di Trieste, Comitato per i Martiri delle Foibe e dalle associazioni legate al mondo degli esuli istriani, fiumani e dalmati, si è articolata nell'ingresso dei gonfaloni, l'alzabandiera, la santa messa officiata dal vescovo di Trieste Giampaolo Crepaldi, la "preghiera per gli infoibati" e gli interventi delle autorità.


Riproduzione non consentita ©

Emirates si espande e con Panama City offrirà il volo no-stop più lungo della storia aerea: 17 ore e mezza. Il colosso aereo medio orientale aggiunge nuove destinazioni al suo già ricchissimo "global router". (Continua...)