www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

23° World Scout Jamboree Giappone 2015-"Spirt of unity"
Dal 28 luglio all’8 agosto, scout da tutto il mondo in Giappone per il ventitreesimo raduno internazionale

ROMA (Italy) - Dopo aver festeggiato il cinquantesimo e il centesimo anniversario dalla fondazione dello scautismo, dal 28 luglio all’8 agosto 2015, Kirarahama in Giappone, accoglierà il ventitreesimo raduno internazionale di scout e guide dai dodici ai sedici anni. Il tema dell’evento : “uno spirito di unità; energia innovazione ed armonia”. Questo ultimo raduno segue al più importante della storia recente; in Svezia, nel 2011 (per tradizione il “Jamboree” viene infatti convocato ogni quattro anni) vi furono più di quarantamila partecipanti, e l’affluenza fu elevatissima.

Japan is an island country in the Pacific Ocean, where natural beauty and modern cities coexist. Here you’ll find a rich mix of traditional and modern culture and a history that dates back thousands of years. Yamaguchi Prefecture is located on Honshu Island in the western part of Japan facing the calm Seto Inland Sea.


«È giunto per me il momento di dirvi addio. Voglio che abbiate una vita felice. Voi sapete che molti di noi non si incontreranno in questo mondo. Io sono vicino alla fine della mia vita. La maggior parte di voi invece è all'inizio e io voglio che le vostre vite siano felici e piene di successo. Potete fare questo compiendo del vostro meglio rispettando la legge, tutti i giorni, ovunque vi troviate.» Queste furono le parole semplici pronunciate da Baden Powell, ufficiale coloniale inglese emerito, in occasione dell’ultimo raduno internazionale tra scout, che precedette la Seconda Guerra Mondiale. Era stato ambientato nell’Olanda del 9 agosto 1937, e non ci sarebbero stati più incontri internazionali fino all’agosto del 1947, esattamente dieci anni dopo. “Il Jamboree” (così venne battezzato tale raduno), nacque per volere dello stesso Powell, fondatore dello scoutismo, tra il 31 luglio e l’8 agosto del 1920 nell’ “Olympia Palace”, a Londra; coinvolse più di tremila scout provenienti da trentaquattro nazioni del mondo, e, come perciò indica letteralmente il suo nome, fu una vera “marmellata di ragazzi”, un’unione di usanze e di stili di vita, un confronto tra culture, un’occasione di dialogo, comunicazione e condivisione in un mondo che, pur provenendo da uno dei decenni più bui della storia dell’umanità, si stava preparando ostinatamente alla feroce catastrofe: la Guerra Totale. Da quel lontano sogno, sacrificato tra il ricordo delle epoche dell’ iniziale sfrenato consumismo, della Belle Epoque, delle rivoluzioni industriali, della prima massificazione della società, e il rumore di ordigni unito al triste presagio di nuovo dolore e lutto, l’idillio è sopravvissuto.

Tante perciò le speranze riposte nella prossima stagione estiva. Come di consueto l’intento è quello di costruire un villaggio ecosostenibile, gremito di tende, corredate da piste ciclabili, affiancate da ambasciate di tutte le nazioni partecipanti, ma anche da moschee, chiese cristiane, ebraiche, ortodosse, templi buddisti. Gli esploratori e le guide di centonovantadue nazioni condivideranno dieci giornate di svago, divertimento, confronto e apprendimento anche riguardo alla cultura giapponese. E se gli scout Italiani durante lo svolgimento delle loro attività, discutono e si confrontano a proposito di problemi d’attualità, gli scout Americani utilizzano il loro tempo per migliorare le proprie prestazioni fisiche, ed esercitare tecniche di sopravvivenza; e mentre gli scout del Cile sono abili costruttori e progettisti, capaci di edificare imponenti baionette alte più di quindici metri, gli scout Canadesi, in inverno, dormono in fosse scavate nella neve. Chi non può partecipare al “Jamboree”, per godere delle differenze, e quindi delle ricchezze dell’evento, può seguirlo attraverso il documento “Join in Jamboree”. Tale invenzione venne introdotta nel 1975, quando, il quindicesimo raduno, da svolgersi in Iran, fu annullato a causa della rivoluzione che interessava la nazione; le informazioni a proposito delle attività da svolgere perciò, vennero spedite ai partecipanti, nei rispettivi paesi di provenienza, che così poterono vivere il “Jamboree” da lontano.

Anche quest’anno l’attesissima manifestazione, continua a svolgere un ruolo di grande importanza: mentre gli immigrati affollano le coste di Ventimiglia, Charleston piange i morti dell’attentato alla Chiesa Metodista Afroamericana, e l’Ungheria chiede di poter costruire un muro di centosettantacinque chilometri lungo il confine serbo, brutta copia di pagine di storia già lette … in una piccola parte del mondo, una progenie, quella dei giovani nati nel ventunesimo secolo, contrapponendosi ad una generazione ben più anziana, quella delle classi dirigenti, racconta di alcuni ragazzi che stanno collaborando alla costruzione di un microcosmo in cui non esistono frontiere, armi o confini; sono giovani che, con un fazzolettone al collo, e una promessa nel cuore, lottano per rendere ogni giorno imperituro e produttivo, per costruire qualcosa, che non sia un conflitto, e che rimanga anche dopo di loro. (Anita Ricco
)

Scout Association of Japan (SAJ) has started a new project that is to build new friendships for Scouts through Scouting. Welcome The World Project (WTW) creates ties between Scouts in your country and local Scout groups in Japan. They may communicate on the Internet or exchange letters, launch a project together, or visit each other. Project contents of their WTW may vary, but we hope such new links between Scouts in our countries will foster a familial bond amongst our Scouts. In 2015, more than 30,000 Scouts and leaders from 161 countries around the world will converge on Kirara-hama, Yamaguchi, Japan, for the 23rd World Scout Jamboree. The event will provide opportunities to raise awareness about global issues, explore the environment, participate in community service, make friends from around the world, and deepen understanding of developments in science and technology. The world jamboree is a unique opportunity for participants to experience an exciting program of activities, including: Global Development Village, City of Science, Cross Road of Culture, and the Peace Program. Participants will live and learn with fellow Scouts from around the world. They will be housed in tents along with the BSA contingent but will soon venture out to mingle with tens of thousands of people for two weeks of activities and adventure.

Japan is an island country in the Pacific Ocean, where natural beauty and modern cities coexist. Here you’ll find a rich mix of traditional and modern culture and a history that dates back thousands of years. Yamaguchi Prefecture is located on Honshu Island in the western part of Japan facing the calm Seto Inland Sea. It exemplifies many aspects of contemporary Japan, including modern cities, beautiful natural areas, traditional performing arts, historic buildings, and modern industries. Kirara-hama is a reclaimed land in Yamaguchi City, which is located in the western part of Honshu in Southern Japan. It is equipped with developed facilities and parks. Kirara-hama was the site for the Japan Expo Yamaguchi in 2001 and the 16th Nippon National Jamboree in 2013. Yamaguchi has a humid subtropical climate, with hot summers and cool winters. Precipitation is significant throughout the year, but it is much higher in summer than in winter.


Riproduzione non consentita ©