www.italianews.org - Comunicazione e giornalismo

Viaggi & turismo, la Francia il paese più visitato al mondo la Spagna quello più competitivo
I turisti premiano l'Europa: il belpaese visitato da 50 milioni di turisti ma poco attrattivo per prezzi e tasse

ROMA (Italy) - La Spagna è al primo posto al mondo per la competitività del suo settore turistico, davanti a Francia e Germania, mentre la Svizzera è sesta e l'Italia ottava: lo afferma uno studio del Forum economico mondiale (WEF) pubblicato oggi.

Gli esperti dell'organizzazione ginevrina hanno passato al setaccio 141 paesi sulla base di criteri come l'offerta di beni culturali, la natura, l'ambiente, l'infrastruttura, la sicurezza, le condizioni quadro e i prezzi. La Svizzera brilla in vari ambiti, ma è ultima in materia di tariffe. Il WEF sottolinea che il settore dei viaggi e del turismo contribuisce per un decimo al prodotto interno lordo mondiale. Inoltre negli ultimi anni ha beneficiato di tassi di crescita superiori alla media, un'evoluzione che dovrebbe ripetersi anche in futuro.


Se il Paese più competitivo al mondo per il turismo è la Spagna, seguito da Francia e Germania, l’Italia deve accontentarsi di un ottavo posto. Meglio certo della 26esima posizione di due anni fa. A decretare la classifica 2015 sono stati gli analisti del World Economic Forum, l'ente che organizza il summit di Davos con il gotha della finanza. A pesare di più sul nostro posizionamento è “la scarsa priorità data al turismo, i prezzi alti e la pressione delle tasse”, spiegano gli analisti. E' quanto emerge da un rapporto biennale in cui il Wef classifica 141 paesi in base al Travel and tourism competitiveness index. La graduatoria 2015, oltre ad assegnare per la prima volta la palma d'oro alla Spagna, mette sul podio anche la Francia e la Germania, davanti agli Usa, al Regno Unito e alla Svizzera. L'Italia è solo ottava, preceduta anche dall'Australia. Tra i maggiori Paesi, la Cina è 17esima, il Brasile 28esimo, la Russia 45esima e l'Undia 52esima. Gli Emirati Arabi Uniti sono 24esimi e primi tra i Paesi mediorientali. La forza dell'Italia - sottolinea il rapporto - sta nelle sue risorse naturali e culturali (quinta) e nelle infrastrutture (13esima), ma resta molto cara (133esima per la competitività dei prezzi) e risente di un contesto poco favorevole per le imprese (127esima), di una burocrazia soffocante, di tasse elevate e una normativa sul lavoro molto rigida.

La Spagna arriva in cima alla top 10 per la prima volta. Sono circa 60,6 milioni i turisti internazionali che hanno deciso di visitare la penisola iberica, ricca di attrazioni culturali e di svago. Ma la Spagna è migliorata anche in termini di infrastrutture, creando condizioni favorevoli sia per il turismo che per i viaggi di lavoro. Le risorse naturali e culturali della Francia continuano ad attrarre turisti di tutto il mondo, con più di 84 milioni di arrivi annuali. Il paese si classifica in alto per le infrastrutture e in generale per la facilità con cui si possono visitare i suoi luoghi. Ma la Francia può migliorare dal punto di vista degli affari, della sicurezza e della difesa.

Ottima nelle infrastrutture, le risorse naturali e culturali, gli affari, la salute, igiene e internazionalizzazione. La Germania, tuttavia, registra una scarsa competitività sul fronte dei prezzi. Gli Stati Uniti hanno un'ottima posizione dal punto di vista delle risorse culturali e naturali e da quello delle infrastrutture aeree. Inoltre, si posizionano molto bene per la competitività negli affari. A penalizzarla, però, sono le forti restrizioni per chiedere e ottenere il visto necessario. Può migliorare anche su difesa, sicurezza, trasporti di terra e sostenibilità ambientale. Il Regno Unito va molto bene sul fronte affari, internazionalizzazione, infrastrutture, risorse umane, risposta tecnologica e informazione e comunicazione. Ma pesa, purtroppo, la scarsa competitività sui prezzi. La Svizzera è al top per le infrastrutture e va molto bene anche sul fronte degli affari, delle risorse umane e del mercato del lavoro. A penalizzarla, anche in questo caso, sono i prezzi poco competitivi. Le risorse naturali, il divertimenti e le attrazioni ricreative hanno aiutato l'Australia a guadagnarsi un posto nella top 10. Il paese deve tuttavia migliorare sul fronte prezzi e mercato del lavoro. L'Italia è il quinto paese più visitato al mondo, secondo il rapporto del World economic Forum. Figura anche primo nella classifica dei siti del World Heritage. Insuperabile per attrazioni naturali e risorse culturali, deve però migliorare negli affari, nei prezzi e infrastrutture aeree e di terra. Nel 2013 il Giappone è stato visitato da più di 10 milioni di turisti. Il paese ha un'ottima posizione per le risorse culturali e i viaggi di lavoro, ma deve migliorare molto sulla competitività dei prezzi. Il Canada ha ottime infrastrutture, soprattutto aeree in cui si posiziona al top. Molto bene anche per le risorse naturali e culturali e il mercato del lavoro. Tuttavia, come molti paesi della lista, deve migliorare la competitività dei prezzi.

La Francia è stato nominata come il paese più visitato al mondo, avendo accolto nel corso dell’anno passato il numero record di 84,7 milioni di turisti. La repubblica francese è arrivata prima con un grande stacco rispetto agli Stati Uniti, risultati il secondo paese più visitato al mondo, superandolo di quasi 15 milioni di visitatori. Chiude il podio la Spagna, con 60,7 milioni di visitatori nel 2013, circa venti in meno rispetto alla prima classificata. Quarto posto va invece alla Cina con 55,7 milioni di turisti. Si tratta del primo paese non europeo che troviamo in classifica, e del primo paese asiatico in lista. L’Italia si piazza invece al quinto posto, con 47,7 milioni di visitatori, rimanendo quindi il terzo paese europeo più visitato al mondo. Al sesto posto, una delle voci più sorprendenti nella top 10, cioè la Turchia, con 37,8 milioni di visitatori. La segue la Germania, al settimo posto con 31,5 milioni di turisti, e la Gran Bretagna, con 31,2 milioni di visitatori. Altra sorpresa al nono posto, con la Russia ed i suoi 28,4 milioni di turisti, mentre la Thailandia completa la classifica dei paesi più visitati nel 2013.

La World Tourism Organisation (UNWTO), cioè l’organizzazione mondiale del turismo, ha stilato la lista dei paesi più visitati al mondo comparando i dati ufficiali forniti da ogni stato. La classifica presenta pochi cambiamenti rispetto a quella dell’anno precedente, che vedeva la Francia sempre al primo posto, seguita dagli Stati Uniti. Terza era la Cina, che è retrocessa di una posizione quest’anno, mentre la Spagna era fuori dal podio al quarto posto.

Secondo le stime della UNWTO, il turismo internazionale ha generato nel 2013 guadagni per 1,4 miliardi di dollari. L’Asia e le zone del Pacifico sono le regioni con maggiore crescita del numero di visitatori, anche se l’Europa continua ad attirare la fetta più grande di turisti. Globalmente, il 2013 ha visto lo spostamento di oltre un miliardo di turisti, in crescita del 5% rispetto all’anno precedente.

Se si prendono in considerazione soltanto i Paesi europei, però, l'Italia guadagna due posizioni, seguita da Gran Bretagna (29,3 milioni di visitatori) e Germania (28,4). Non se la cavano male neppure Austria (23 milioni di turisti) e Ucraina i cui 21,4 milioni di visitatori sono però destinati a scendere a causa della difficilissima situazione di guerra civile che sta vivendo in queste settimane. La Grecia sembra perdere fascino, se è vero che, a dispetto della sua storia millenaria, conta "solo" 16,4 milioni di visitatori, meno di Arabia Saudita, Thailandia, Hong Kong, Messico, Malesia, Russia e Turchia.

Ma le sorprese non finiscono qui, perché se Singapore, Ungheria e Croazia sembrano guadagnare appeal, rispettivamente al 22esimo, 23esimo e 24esimo posto in classifica, l'Egitto è solo 26esimo. Anche in questo caso pesa la crisi vissuta dal Paese, dopo la caduta dell'ex presidente Moubarak che si trascina ormai da 3 anni.

Fanalini di coda, nella top 50, si trovano invece Giordania, Finlandia e Repubblica Deominicana, con rispettivamente 4 milioni, 4,2 e 4,3 milioni di turisti all'anno.

Viaggi & Turismo
La rubrica dedicata a recensioni, consigli ed esperienze di viaggio

Riproduzione non consentita ©