www.italianews.org - L'agenzia internazionale di comunicazione e giornalismo

I talebani fanno strage in una scuola militare pakistana
Un commando talebano ha assaltato un istituto militare a Peshawar. 141 morti di cui 123 bambini

ROMA (Italy) - 141 morti, di cui oltre 100 bambini tra i 7 e i 14 anni, molti dei quali giustiziati con un colpo alla nuca. E centinaia di feriti, di cui molti in gravissimi condizioni. È il bilancio, ancora provvisorio, dell'attacco condotto da un commando composto da una decina di talebani pachistani, vestiti con false divise militari, in una scuola militare di Peshawar, città al confine tra Pakistan e Afghanistan ai piedi del passo Khyber, e storico quartier generale degli islamisti.

L'attacco è stato compiuto con estrema efferatezza: secondo quanto raccontato da una fonte dell’esercito pakistano alla tv americana Nbc, i terroristi avrebbero dato fuoco ad un insegnante e costretto i bambini a guardarlo mentre moriva. "Gli hanno gettato della benzina su tutto il corpo e gli hanno dato fuoco" ha raccontato un testimone. (Foto Archivio)


La scuola Warsak Road, a Peshawar fa parte del Sistema di Scuole e College pubblici gestiti dall'esercito pakistano. Una rete che conta 146 istituti in tutto il territorio. Le scuole sono frequentate dai figli tanto degli ufficiali che dei soldati semplici e spesso sono le mogli dei militari a insegnare all'interno. Il portavoce di Tehreek-e-Taliban, che ha rivendicato la responsabilità del feroce attacco, ha spiegato che è stata una rappresaglia per le continue operazioni militari contro i talebani nella zona tribale del Nord Waziristan, non lontano da Peshawar.

L'attacco è la risposta che i talebani hanno voluto dare a Islamabad dopo l'offensiva scatenata dall'esercito pakistano nella roccaforte dei talebani nell’area tribale del Nord Waziristan al confine con l’Afghanistan. Le truppe pakistane hanno isolato e circondato l’area ed è in corsa una caccia all’uomo per trovare gli aggressori. La scuola Warsak Road, teatro dell'attacco dei talebani pakistani, fa parte del Sistema di Scuole e College pubblici gestiti dall'esercito pakistano. Una rete che conta 146 istituti in tutto il territorio.

I talebani hanno rivendicato l'attentato come una rappresaglia per l'azione dell'esercito contro le loro roccaforti nel Nord Wazriristan, regione al confine con l'Afghanistan. "Abbiamo scelto con cura la scuola militare per l'attacco perché il governo ha preso di mira le nostre famiglie, e le nostre donne" ha spiegato il portavoce Muhammad Umar Khorasani.

Alcuni sono riusciti a fuggire, 132 sono stati uccisi e chi è sopravvissuto ha raccontato di scene raccapriccianti: i terroristi hanno fatto irruzione nelle aule e sparato a caso, rincorrendo gli alunni e stanando quelli rintanati sotto i banchi. Al termine, tutti uccisi i sei uomini del commando, che avevano scalato il muro esterno della struttura e avevano tutti indosso giubbotti esplosivi.

Vendetta talebana su scuola dei figli militari - La scuola Warsak Road, a Peshawar, teatro dell'attentato, fa parte del Sistema di Scuole e College pubblici gestiti dall'esercito pakistano. Una rete che conta 146 istituti in tutto il territorio, frequentata sia da figli degli ufficiali sia dai soldati semplici e spesso sono le mogli dei militari a insegnare all'interno. Nel corso di anni di guerra al governo centrale, i talebani pachistani, che combattono per rovesciare il governo e instaurare lo stato islamico, hanno colpito di tutto: obiettivi militari, posti di blocco, aeroporti, ma gli attacchi sui civili sono stati molto rari, tanto più contro una scuola; il che sembra indicare la frustrazione e la rabbia per la perdurante azione dell'esercito contro di loro. "E' una tragedia nazionale" ha detto il primo ministro Nawaz Sharif. (Redazione)


Riproduzione non consentita ©


Immigrazione: un
milione pronti a partire


India: Latorre e Girone
detenuti illegalmente


Ucraina tra democrazia
e dittatura russa

Emirates nuovi
collegamenti aerei

Le destinazioni top
viaggi del 2014

Pensioni: gli ostacoli
di tutti i governi