www.italianews.org - L'agenzia internazionale di comunicazione e giornalismo

Una 25enne iraniana condannata al carcere per aver chiesto di assistere alla partita di volley Iran - Italia
Iran sentences British-Iranian activist Ghoncheh Ghavami over volleyball game

ROMA (Italy) - È stata condannata ad un anno di reclusione la bellissima Ghoncheh Ghavami, la giovane britannica di origine iraniana sotto processo in Iran per aver cercato di assistere a una partita di pallavolo maschile a giugno. Lo riferisce un tweet di Al Arabiya. Dall’inizio della rivoluzione khomeinista, nel 1979, alle donne è vietato andare allo stadio per le partite di calcio. Un divieto esteso dal 2012 anche alla pallavolo.

La 25enne era stata arrestata il 20 giugno e rinchiusa nella prigione di Evin a Teheran per aver chiesto, assieme ad altre attiviste, di assistere all'incontro di World League Iran-Italia malgrado il divieto imposto dalla rigida morale islamico-sciita. Laureata in legge a Londra dove viveva, la giovane era venuta in Iran per partecipare ad un programma di alfabetizzazione dei ragazzi di strada.


Una petizione online organizzata dalla famiglia Ghavami ha già ricevuto 600mila firme e la vicenda è stata denunciata da Amnesty International. Ghoncheh, che ha fatto anche uno sciopero della fame di due settimane, ha potuto vedere il suo avvocato solo due giorni prima del processo, ha detto il fratello Iman. I familiari non sono potuti entrare in aula durante i 90 minuti del processo. Al termine hanno potuto incontrare la ragazza per una ventina di minuti, ha denunciato la madre Susan, che ha baciato a lungo la figlia. "Ghonceh continuava a baciare il nonno che non vedeva da 109 giorni e piangeva", ha raccontato ancora la madre.

I media britannici riferiscono che Ghoncheh Ghavami, 25 anni, studentessa di legge a Londra e di madre inglese, è stata arrestata il 20 giugno dopo essere andata allo stadio dove era stato srotolato uno striscione per protestare contro il divieto per le donne di assistere ai Mondiali di pallavolo a Teheran, alla vigilia della partita Iran-Italia. È stata rilasciata nel giro di poche ore, ma dopo 10 giorni è stata portata in carcere da agenti in borghese che l’hanno prelevata da casa sequestrandole anche un computer. Ora si troverebbe nel famigerato carcere di Evin. La famiglia, che in un primo tempo non aveva diffuso la notizia del suo arresto, nella speranza di un suo rapido rilascio, adesso ha iniziato una campagna in suo favore, sostenendo che la ragazza è stata tenuta in isolamento per i primi 41 giorni, senza poter vedere un avvocato e senza accuse formali. Dall’inizio della rivoluzione khomeinista, nel 1979, alle donne è vietato andare allo stadio per le partite di calcio. Un divieto esteso dal 2012 anche alla pallavolo.

Durante il Congresso della Federazione Internazionale di Volleyball, il Presidente della Fivb Ary Graca ha preso la parola per ribadire il suo impegno in favore di Ghoncheh Ghavami, la cittadina iraniana tenuta in detenzione da ormai oltre quattro mesi per aver protestato contro il mancato accesso alla gara di World League tra Iran-Italia. Ary Graca ha invitato le federazioni nazionali a sostenere la Federazione Internazionale in questa azione, auspicando l’immediata liberazione della ragazza. All’intervento è seguita una lunga standing ovation da parte di tutta la sala. (Redazione)

A British-Iranian woman detained in Iran after trying to watch a men's volleyball match has been sentenced to a year in prison, her lawyer says.

Ghoncheh Ghavami, 25, was found guilty of spreading anti-regime propaganda, lawyer Alizadeh Tabatabaie said. Iran banned women from volleyball games in 2012, extending a long-standing ban on football matches. The Iranian authorities have argued that women need protection from the lewd behaviour of male fans. Britain's Foreign Office said it was concerned about the sentence. "We have concerns about the grounds for this prosecution, due process during the trial, and Miss Ghavami's treatment whilst in custody," it said in a statement. Amnesty International has described Ms Ghavami, who is from Shepherd's Bush in west London, as a prisoner of conscience, and called for her immediate release. More than 700,000 people have signed an online petition urging the authorities to free her.

The graduate of the University of London's School of African and Oriental Studies was part of a group of women who tried to watch Iran play Italy in a match on 20 June. The women were arrested and allegedly beaten before being freed. Ms Ghavami was rearrested later and subsequently put on trial. She launched a hunger strike in October after being held in isolation cells.


Riproduzione non consentita ©
 



 
www.italianews.org - L'agenzia internazionale di comunicazione e giornalismo

Iran, la 26enne Reyhaneh Jabbari è stata impiccata. Aveva ucciso il suo violentatore
Il paese degli ayatollah esegue una condanna a morte al giorno

ROMA (Italy) - È stata impiccata sabato in una prigione alla periferia di Teheran Reyhaneh Jabbari, la ventiseienne accusata di aver ucciso un uomo che tentò di violentarla. Lei si è sempre difesa parlando di legittima difesa, ma non è riuscita a sfuggire alla condanna, in un Paese nel quale i diritti delle donne sono ancora quasi inesistenti e la pena di morte è all’ordine del giorno. Amnesty International accusa la magistratura: “Inchiesta fallace e processo ingiusto”.

La notizia dell'imminente esecuzione era arrivata venerdì sera, quando i genitori della ragazza erano stati convocati in carcere per vederla per l'ultima volta. La 26enne era poi stata trasferita in un altro carcere non precisato, dove all'alba è stata impiccata. A nulla è valsa la campagna mediatica internazionale per salvare Reyhaneh. Per le si erano mobilitati esponenti di caratura mondiale e politici sia orientali che occidentali.


Tutto parte nel 2007, quando Reyhaneh, arredatrice d’interni, viene assunta da Morteza Abdolali Sarbandi, un dipendente del Ministero dell’Intelligence, con il compito di riarredare il suo ufficio. Sarbandi tenta di stuprarla, lei lo accoltella. Viene arrestata, passa i primi due mesi in isolamento, senza poter vedere nemmeno il suo avvocato e la sua famiglia. Subisce la tortura. Confessa, secondo l’Onu sotto minacce. Però dichiara che in casa, al momento del delitto, c’era un'altra persona, dettaglio mai chiarito dalla magistratura iraniana. Subisce pressioni per sostituire il suo avvocato con uno meno esperto. Viene condannata nel 2009, impiccagione.

Le associazioni per i diritti umani si sollevano. Lo scorso aprile Ahmed Shaheed, inviato speciale dell’Onu in Iran, afferma che “le autorità iraniane dovrebbero rivedere il suo caso e ripetere il dibattimento, assicurandosi che il diritto al giusto processo sia garantito”. Per Amnesty International “il collegamento di Sarbandi con il Ministero dell’Intelligence può aver inciso sull’imparzialità dell’inchiesta”. Su Facebook viene creata la pagina “Save Reyhaneh Jabbari From Execution In Iran” (“Salvate Reyhaneh Jabbari dall’esecuzione in Iran”), quasi diciottomila like.

Per Reyhaneh si mobilitano anche artisti e musicisti suoi connazionali, il premio Oscar Asghar Farhadi scrive una lettera aperta alla famiglia della vittima chiedendo il perdono per Reyhaneh (secondo la legge iraniana la famiglia della vittima, perdonando il reo, estingue il suo reato). I Sarbandi rispondono picche, per loro l’omicidio era premeditato, la ragazza ha confessato di possedere il coltello solo due giorni dopo l’omicidio. Niente da fare, l’esecuzione viene programmata per il 30 settembre. Le proteste della comunità internazionale riescono a rinviarla, ma venerdì viene consentito alla madre di farle visita per un’ora, segno che la fine è imminente. All’alba di sabato i suoi piedi perdono il contatto con la terra.

“La notizia scioccante che Reyhaneh Jabbari è stata giustiziata è profondamente deludente fino all’eccesso – ha dichiarato Hassiba Hadj Sahraoui, il vice direttore di Amnesty per il Medio Oriente e il Nord Africa - Questa è un’altra macchia di sangue nel primato iraniano sui diritti umani. Tragicamente, questo caso è tutt’altro che isolato – ha continuato Sahraoui - Ancora una volta l’Iran ha insistito nell’applicare la pena di morte nonostante le serie preoccupazioni sull’equità del processo”.

Le associazioni per i diritti umani accusano il presidente Hassan Rohani per l’impennata delle condanne capitali durante la sua presidenza. Nel 2013 l’Iran ha eseguito 369 condanne a morte, una al giorno, una ogni duecentomila abitanti. Solo la Cina ne ha comminate di più, circa un migliaio, ma su una popolazione che sfiora il miliardo e quattrocentomilioni, cioè una ogni milione e mezzo di abitanti. In proporzione, il Dragone sembra governato dai seguaci di Beccaria. Sono soprattutto i paesi del Medio Oriente e dell’africa nordorientale a praticare l’omicidio di Stato: 169 condanne in Iraq, 79 in Arabia Saudita, 34 in Somalia, 21 in Sudan, 13 in Yemen, sempre secondo i dati 2013 di Amnesty International.

Non è innocente, tuttavia, l’Occidente: se in Europa ormai questo tipo di pena non esiste più, resta però in Giappone (8 condanne nel ‘13) e negli Stati Uniti, che lo scorso anno hanno giustiziato ben 39 condannati. Non sempre l’esecuzione è veloce e indolore: lo scorso gennaio in Ohio Dennis McGuire aveva impiegato 15 minuti per morire, ad aprile in Oklahoma Clayton Lockett è morto 43 minuti dopo l’iniezione letale, a luglio in Arizona Joseph Wood ci ha messo addirittura 117 minuti, due interminabili ore di agonia. (Gianmarco Rizzo)

Avevano fatto il giro del mondo le foto di un uomo salvato all'ultimo secondo dalla mano del boia. E' accaduto in Iran dove un giovane di nome Balal, colpevole di aver ucciso a coltellate un uomo di nome Abdollah Hosseinzadeh durante una lite in strada nella città di Royan, è stato graziato in extremis dai genitori della vittima. L'assassino, condannato a morte per impiccagione, aveva già il collo nel cappio. Secondo la legge e l'usanza locale, dare la spinta alla sedia che reggeva il condannato sarebbe toccato ai famigliari di Abdollah. La madre, però, tra la sorpresa e lo stupore di tutti, si è avvicinata a Balal e lo ha schiaffeggiato. Poi il marito ha deciso di graziarlo, ordinando al boia di non procedere all'esecuzione. Un inaaspettato gesto di clemenza, ripreso dagli obiettivi, finito sulle prime pagine di tutti i siti di informazione del mondo. Balal sconterà la pena in carcere.

Riproduzione non consentita ©


Immigrazione: un
milione pronti a partire


India: Latorre e Girone
detenuti illegalmente


Ucraina tra democrazia
e dittatura russa

Emirates nuovi
collegamenti aerei

Le destinazioni top
viaggi del 2014

Pensioni: gli ostacoli
di tutti i governi